Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Gli Events di Expo.02 e le città ospiti

Imago: lo spettacolo di luci sull'arteplage di Yverdon.

(expo02.ch)

Expo.02 fa un bilancio positivo degli eventi sulle arteplage. La gioia di alcuni è però il cruccio di altri: i proprietari di club notturni ad esempio.

Il direttore degli "Events" di Expo.02, Daniel Rosselat ha di recente fatto un bilancio intermedio, sottolineando quanto i concerti, gli spettacoli d'animazione e di teatro contribuiscano a creare l'atmosfera conviviale delle arteplage. In particolare la programmazione di eventi culturali e artistici vuole essere una vetrina: molti visitatori hanno infatti scoperto grazie all'Expo spettacoli ed artisti per cui altrimenti non si sarebbero mossi.

La maggior parte degli spettacoli sono gratuiti, altri a pagamento. Anche durante la giornata i visitatori non esitano ad assieparsi nei luoghi chiusi per assistere ad alcuni spettacoli. Le presentazioni dei Mummenschanz, il progetto di danza dintjan o ancora certi concerti di musica classica alla Tenda Centenaria attirano molti spettatori, anche durante le giornate più calde e soleggiate.

Le lunghe notti delle arteplage

La sera poi le arteplage vivono una vita tutta loro, fatta di gente che non viene per i padiglioni, ma proprio per approfittare dell'ampia offerta d'intrattenimento notturno, che va dai giochi di luce sulle rive del lago, ai concerti, ai night-club. La vendita di biglietti ridotti a partire dalle 18:00 ha superato infatti le previsioni, ponendo addirittura qualche problema di budget all'Expo.02, che vorrebbe vendere più entrate a prezzo pieno, quelle che portano più beneficio.

Ad attirare il pubblico più folto la sera sono i nomi più conosciuti e non tutti sono svizzeri. Concerti come quello di Candy Dulfer e di Bob Geldof, e tra gli svizzeri George Gruntz o Andreas Vollenweider hanno fatto il tutto esaurito. E che dire dei club? Il Mondial di Yverdon, che ospita sapori e musica da tutto il mondo e il Cargo di Neuchatêl con concerti e notti in compagnia di dee-jay e di gruppi dal vivo, hanno avuto un successo strepitoso, tanto che Bienne ha voluto anche il proprio nightclub-discoteca, l'Artix, che non era stato previsto all'inizio.

Neuchatêl è una città che per tradizione ha una certa vocazione notturna, più spiccata rispetto ad altre cittadine svizzere, che danno l'impressione di essere molto tranquille se non addiruttura sonnacchiose. Fino a qualche anno fa i club e le discoteche di Neuchatêl potevano restare aperte fino alle quattro del mattino ogni sera.

"Ma le cose si sono calmate ultimamente", spiega a swissinfo David Berger, giornalista di RTN, radio indipendente di Neuchatêl. "Da un paio d'anni i locali notturni hanno il permesso d'apertura solo fino alle due del mattino durante la settimana, e le quattro il weekend." Berger ha l'impressione però che da quando c'è il Cargo, i club notturni della città soffrano enormemente della concorrenza. "Ma anche i commercianti e i ristoratori dicono di avere meno clienti del solito".

Impressione confermata da Charles Edmond Guinand, presidente dell'associazione "gastro-ristoratori" di Neuchatêl: "Nei locali pubblici convenzionali, come bar e ristoranti si parla di una diminuzione del 20, 30% e per i locali notturni siamo almeno al 50% di clienti in meno".

Un'esperienza nuova

Meno grave sembra la situazione a Bienne. Secondo Peter Huber, presidente dell'associazione dei ristoratori e proprietari di locali del Cantone di Berna, a Bienne si può parlare di una diminuzione della clientela di 10, 20% al massimo a causa di Expo.02. L'arteplage di Morat è un caso un po' a parte. L'esposizione nazionale, a differenza degli altri siti, alquanto distaccati dal centro, è infatti molto ben integrata nel tessuto urbano e i visitatori vivono di più la città, passano davanti ai ristoranti e spesso ne approfittano. Meno pare per fare acquisti nei negozi.

Durante i primi 80 giorni di Expo.02 tutte le arteplage insieme hanno presentato più di 7000 spettacoli, rappresentazioni e invenzioni artistiche su 25 scene diverse. Una media di 90 eventi al giorno! Solo alla fine dell'esposizione nazionale saremo in grado di dire in che misura l'Expo nel suo insieme, e non solo la notte e rispetto agli eventi, ha portato vantaggi agli uni (forse gli hotel e i ristoranti meglio situati) e quanto la manifestazione sia invece costata ad altri commercianti. Una lezione interessante, perché la sete di avvenimenti culturali e di animazione da parte dei visitatori sulle arteplage è un dato comunque importante.

Raffaella Rossello

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.