Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Grounding Swissair, la parola alle banche

2 ottobre 200, giornata nera per l'aviazione svizzera: cancellati all'aeroporto di Kloten tutti i voli Swissair

(Keystone Archive)

I presidenti di UBS e Credit Suisse hanno fornito la loro versione dei fatti davanti a una commissione parlamentare.

I numeri uno di UBS e Credit Suisse, Marcel Ospel e Lukas Mühlemann, sono stati ascoltati lunedì dalla sottocommissione della gestione del Consiglio degli Stati. I due topmanager hanno fornito la loro versione, circa i motivi che hanno portato al blocco a terra della flotta Swissair, il 2 ottobre 2001. Nulla è trapelato su quanto è stato detto.

Intanto, il Credito Svizzero ha fatto sapere che la banca si era impegnata con tutte le sue forze per evitare il grounding del 2 ottobre. Tuttavia, assicurare il proseguimento dei voli Swissair senza interruzione, con iloro propri mezzi oltre quanto già messo a disposizione, avrebbe superato le possibilità delle due grandi banche.

Dal canto suo, l'UBS afferma che l'immobilizzazione della flotta aerea era inevitabile e che il grido d'aiuto lanciato da SAirGroup il 29 settembre è arrivato troppo tardi. Per evitare la paralisi, l'UBS avrebbe dovuto investire 200 milioni supplementari, oltre ai 700 già messi a disposizione. Troppo rischioso, anche per la prima banca del paese.

Corti già ascoltato in precedenza

Credit Suisse e UBS hanno riaffermato che la direzione di SAirGroup sapeva che il pacchetto finanziario delle due banche, secondo i termini del progetto Phoenix, non poteva evitare un grounding parziale della flotta Swissair. D'altronde, secondo UBS, il 2 ottobre Swissair avrebbe avuto a disposizione fondi a sufficienza per finanziare i voli di quel giorno.

Il 14 febbraio, i parlamentari avevano già ascoltato il presidente della direzione generale del gruppo Swissair, Mario Corti, che aveva negato qualsiasi responsabilità personale, sostenendo che il «grounding» era stato voluto dalle banche.

Ora, la sottocommissione ha fatto sapere che valuterà gli elementi emersi finora e che continuerà l'inchiesta, se necessario interrogando altre persone. Le sue conclusioni saranno pubblicate entro la fine di giugno, hanno indicato i servizi del parlamento.

Anche l'UFAC nel mirino

Oltre a far luce sulle cause del giorno più buio dell'aviazione elvetica, la sottocommissione sta indagando anche sul modo in cui l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) esercita la sua sorveglianza sulle compagnie aeree e in generale sulla gestione della crisi da parte del Consiglio federale.

Il tracollo di Swissair sarà all'ordine del giorno anche al Consiglio Nazionale. La settimana prossima, i deputati dovranno esprimersi sulla domanda di UDC e PPD, che puntano affinché sia istituita una commissione parlamentare d'inchiesta.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×