Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

I giornali gratuiti sulle ali del successo

I giornali gratuiti riscuotono sempre maggiore successo. Nell'ultimo anno infatti hanno guadagnato lettori sia in Svizzera tedesca che romanda.

Secondo il sondaggio della REMP, l'agenzia che si occupa di monitorare la diffusione dei giornali, il quotidiano gratuito "20 Minuten" rimane il più letto della Svizzera con 1'247'000 "affezionati" (33'000 in più rispetto all'anno precedente).

Il foglio gratuito ha quasi il doppio di lettori rispetto al popolare quotidiano svizzero tedesco "Blick" (696'000), a pagamento. Al terzo posto il "Tages-Anzeiger", seguito dalla "Mittelland Zeitung", la "Berner Zeitung", la "Neue Zürcher Zeitung" e la "Neue Luzerner Zeitung".

Stessa tendenza nella Svizzera romanda. I gratuiti "Le Matin Bleu" (469 mila lettori) e "20 Minutes" (390'000) sono saldamente in testa e lo scorso anno hanno guadagnato entrambi oltre 110'000 nuovi lettori.

I settimanali gratuiti dei grandi distributori rimangono i giornali più letti: il giornale della Coop nelle tre lingue nazionali ("Cooperazione" in italiano) è letto da 3'319'000 persone, quello della Migros ("Azione") da 3'002'000.

I giornali a pagamento

"Le Matin" resta il quotidiano romando a pagamento più letto anche se ha perso 21'000 lettori. Seguono "24 Heures", la "Tribune de Genève" e "Le Temps".

In leggero calo i domenicali. In Svizzera tedesca il "Sonntags Blick" totalizza 974'000 lettori (-52 000), la "SonntagsZeitung" 757'000 (-11'000) e la "NZZ am Sonntag" 463'000 (- 27'000). In Romandia "Le Matin dimanche" ha un bottino complessivo di 544 000 lettori (-8'000). In lieve perdita anche i settimanali "Beobachter", "Schweizer Illustrierte", "Weltwoche", "L'Illustré" e "L'Hebdo".

In Ticino il "Corriere" resta al primo posto, seguito da "La Regione" e dal "Giornale del Popolo". Il "Caffé" è letto da 115'000 persone e il "Mattino della Domenica" da 77'000.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×