Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

I piloti russi ricevettero ordini contraddittori

I piloti del Tupolev obbedirono alla torre di controllo e non al computer di bordo

(Keystone Archive)

Mentre il sistema automatico diceva di alzarsi, la torre di controllo di Zurigo ordinava al Tupolev 154 di perdere quota, alcuni istanti prima del crash.

Il Tupolev 154 russo scontratosi una settimana fa nei cieli del sud della Germania con il Boeing 757 cargo della DHL aveva ricevuto indicazioni contrastanti dalla torre di controllo svizzera.

Stando a quanto riferito lunedì da tecnici dell'Ente federale tedesco per le ricerche sugli incidenti aerei (BFU) - che stanno esaminando le scatole nere dei due velivoli - circa 45 secondi prima dell'impatto, il sistema automatico di bordo (TCAS, Traffic Alert and Collision Avoidance System) aveva avvertito il pilota del Tupolev della necessità di elevare la quota, mentre il sistema analogo del Boeing aveva chiesto all'altro pilota una riduzione di altitudine.

Solo un secondo più tardi tuttavia, il Tupolev aveva ricevuto dai controllori svizzeri l'ordine di abbassarsi.

I computer hanno funzionato

Secondo gli specialisti tedeschi, i sistemi anticollisione a bordo dei due velivoli hanno funzionato perfettamente. Dalla torre di Zurigo sarebbe però partito nel momento più delicato l'ordine sbagliato, che ha spinto l'aereo russo ad andare incontro al Boeing, invece di allontanarsene.


swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×