Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il "Passaporto Musei svizzeri" compie 10 anni

Un'esposizione presso il centro espositivo Museum für Gestaltung di Zurigo

(Keystone)

Il lasciapassare valido per numerosi musei elvetici esiste da dieci anni. Nato da una vaga idea è diventato un'istituzione alla quale le strutture culturali non vogliono più rinunciare.

Dopo un inizio un po' in sordina, il passaporto si è fatto con gli anni sempre più apprezzare dal pubblico. Più di un milione di persone ne possiede uno.

L'Associazione dei musei svizzeri, l'Ufficio federale della cultura e Svizzera Turismo si sono riuniti più di dieci anni fa con l'idea di creare la fondazione "Passaporto musei svizzeri".

All'inizio i musei si sono dimostrati scettici: solo 150 si sono associati, hanno ricordato i responsabili della Fondazione in un comunicato diffuso martedì, precisando che il primo anno sono stati venduti solo 3000 passaporti.

Da allora, il lasciapassare ha stimolato nuovi visitatori e incoraggiato i frequentatori abituali a tornarci più spesso.

Partenariati vincenti

Un risultato dovuto principalmente a qualche partenariato stabilito con imprese. Il primo è stato quello firmato con le banche Raiffeisen nel 2000. Le carte di credito di questa banca sono infatti state riconosciute come passaporti per l'accesso ai musei.

Improvvisamente 400'000 clienti dell'istituto di credito sono diventati titolari di uno di questi lasciapassare, le entrate con passaporto sono divenute più numerose e ciò ha portato alcuni musei ad aderire all'iniziativa.

Attualmente, in circolazione ci sono 1,1 milioni di questi lasciapassare. Permettono l'accesso a 430 musei. All'appello mancano però tre importanti istituzioni: il Kunsthaus di Zurigo, il Technorama di Winterthur e la Fondazione Beyeler di Basilea.

Vantaggi per turisti

Dal gennaio 2006 anche gli abbonamenti per il trasporto pubblico riservato ai turisti in Svizzera ("Swiss travel system") sono considerati validi come "Passaporto musei" e contro ogni aspettativa hanno permesso di registrare 60'000 entrate.

Un'analisi ha stabilito che l'anno scorso i viaggiatori asiatici si sono recati soprattutto in musei di fama internazionale, mentre gli americani hanno privilegiato le visite a castelli.

I responsabili della Fondazione hanno inoltre ricordato che nel 1998 il 54,3 % della popolazione svizzera non ha visitato alcun museo. Nel 2006 la percentuale è scesa al 48 %.

Il "Passaporto musei svizzeri" può essere acquistato presso gli uffici postali, gli stessi musei e gli uffici del turismo di grandi città o sul sito Internet della Fondazione.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

1990: prima idea di creare il "Passaporto Musei svizzeri"
1996: 150 musei / 3000 passaporti
2000: 230 musei / 400'000 passaporti
2006: 430 Musei / 1,1 milioni di passaporti
Dal mese di maggio del 2006 esiste un passaporto Junior per bambini fino ai 16 anni

Fine della finestrella

Passaporto Musei Svizzeri

Il documento garantisce l'entrata libera in 430 musei elvetici.

Il passaporto per adulti costa 111 franchi all'anno, quello per famiglie 202 franchi, quello per pensionati, invalidi, studenti e disoccupati 99.

Gli abbonamenti di trasporto pubblico dello "Swiss travel system", riservato ai turisti (Swiss Pass, Swiss Flexi Pass, Swiss Youth Pass), sono riconosciuti come Passaporto Musei Svizzeri.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.