Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il Consiglio federale: un governo privo di capi

La sala del Consiglio federale

(Keystone)

Al contrario di quello che accade nella maggior parte degli altri Stati, nel governo svizzero non esiste né un primo ministro né un presidente stabile.

Dal 1848 il governo federale è composto da 7 membri, chiamati consiglieri federali. Sulla base di un principio di rotazione, ogni anno uno di loro assume la carica di presidente.

Il 16 novembre del 1848 l'Assemblea federale, costituita proprio in quell'anno, eleggeva per la prima volta i 7 ministri del Consiglio federale. Le fondamenta del nuovo organo erano rappresentate dalla nuova Costituzione federale, accettata in votazione popolare il 6 giugno 1848 dai tre quarti dei cittadini.

Con la nuova carta fondamentale, la Confederazione si vide attribuire nuovi compiti che fino ad allora erano di responsabilità cantonale. Il Consiglio federale assunse dunque nuove e diverse competenze rispetto all'organo che l'aveva preceduto.

Un partito al potere

Nei decenni successivi, la Svizzera fu caratterizzata da un governo composto da esponenti di un unico partito, il partito liberale-radicale (PLR). La struttura federale della nuova Confederazione s'esplicitò nella regola secondo la quale almeno due membri del Consiglio federale fossero di fede cattolica ed altrettanti non fossero di lingua madre tedesca.

Soltanto nel 1891 i liberali-radicali liberarono un seggio a favore del partito cattolico-conservatore. In seguito, un secondo mandato fu attribuito ai predecessori del partito popolare-democratico per il loro atteggiamento patriottico durante la prima guerra mondiale. Da parte sua, il partito dei contadini, degli artigiani e dei borghesi, precursore dell'attuale unione democratica di centro (UDC), festeggiò il suo primo ministro nel 1929.

La formula magica

Con l'accesso al governo del secondo rappresentante socialista (il primo vi entrò nel 1943), nel 1959 nasceva una composizione politica del Consiglio federale che rimase invariata per più di quarant'anni: due esponenti a testa per PLR, PPD e socialisti, uno per l'UDC.

Per molti anni questa struttura, comunemente denominata "formula magica", rispecchiò più o meno fedelmente il peso politico dei diversi partiti. La sua fine giunse soltanto dopo le elezioni federali del 2003, quando l'UDC pretese un secondo mandato giustificandolo con la costante crescita dei voti ottenuti. Il parlamento accolse questa richiesta e decise di eleggere un secondo rappresentante UDC in governo a spese di uno dei seggi del PPD.

Fino a 12'000 dipendenti

Ogni membro del Consiglio federale è responsabile di un dipartimento, l'equivalente di un ministero negli altri paesi. Dal 1848 la struttura dei dipartimenti è stata oggetto soltanto di alcune piccole modifiche. Accanto ad isolati passaggi di responsabilità, i cambiamenti principali hanno riguardato la denominazione dei dipartimenti.

Così, l'attuale Dipartimento federale degli affari esteri era in passato chiamato il Dipartimento politico.

Nel suo ruolo di responsabile di un dipartimento, ogni consigliere federale è alla testa di un apparato gerarchico e di un'ampia struttura amministrativa che, come nel caso del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, può comprendere fino a 12'000 collaboratori.

"Il Consiglio federale ha deciso"

Secondo le regole definite dalla Costituzione il Consiglio federale è tenuto a decidere in modo collegiale. Le deliberazioni del governo sono così a nome dell'intero esecutivo. I comunicati ufficiali recitano dunque che "il Consiglio federale ha deciso...". Con questi termini non ci riferisce alle opinioni dei singoli consiglieri federali, bensì a quella dell'intero collegio.

Pure il ministro che, di anno in anno, secondo un principio di rotazione, assume la carica di presidente della Confederazione non dispone di alcun potere supplementare rispetto ai suoi colleghi. Il presidente è così un "primus inter pares", espressione latina che significa un primo tra pari.

Durante l'anno presidenziale, il ministro è incaricato di guidare le sedute del governo e di rappresentare la Svizzera in patria o all'estero. In Svizzera non esistono tuttavia le cariche di capo del governo e di un vero e proprio presidente dello Stato.

Eletti dal parlamento

I membri del Consiglio federale non sono eletti direttamente dal popolo, bensì dal parlamento. La durata del loro mandato è di quattro anni. Durante questo periodo, il parlamento non può costringere un ministro ad abdicare tramite un voto di sfiducia, così come l'esecutivo non ha il diritto di sciogliere le camere.

Le elezioni del governo hanno luogo ogni quattro anni, ad inizio dicembre, subito dopo le elezioni legislative federali e si svolgono in occasione della prima seduta delle due rinnovate camere del parlamento. Tutti i cittadini hanno il diritto di presentarsi quali candidati. Precedenti mandati politici non sono teoricamente necessari, ma solitamente i candidati già siedono in Consiglio nazionale, nel Consiglio degli Stati oppure in un governo cantonale.

Fino al 1999, ogni cantone aveva diritto ad un massimo di un rappresentante in Consiglio federale. Questa regola è però stata abrogata in seguito ad una votazione popolare. Oggi la Costituzione federale richiede unicamente che le diverse regioni dello Stato e le minoranze linguistiche siano rappresentate in maniera adeguata.

Fino al 2007, il parlamento ha eletto in Consiglio federale soltanto 6 donne. Dal dicembre del 2007 il governo conta per la prima volta tre donne alla testa di altrettanti dipartimenti.

swissinfo

Governo

Dal 1848, l'esecutivo della Confederazione elvetica è denominato Consiglio federale.

Il Consiglio federale è composto di sette membri.

È eletto dalle due camere del parlamento riunite in Assemblea federale.

Il parlamento non può destituire i membri del governo, così come il Consiglio federale non può sciogliere le camere.

Dal 1943, in governo sono rappresentati quattro partiti: il Partito socialista, il Partito liberale radicale, l'Unione democratica di centro e il Partito popolare democratico.

I sette membri del governo prendono le loro decisioni in modo collegiale.

La Svizzera non conosce un ruolo paragonabile a quello di un primo ministro o di un capo di Stato. La carica di presidente della Confederazione è ricoperta da uno dei membri del governo. Il mandato presidenziale dura un anno. Non comporta competenze e poteri particolari.

Ognuno dei consiglieri federali è a capo di un dipartimento. Diversamente da quanto succede per i ministeri di altri paesi, i dipartimenti federali si occupano contemporaneamente di più settori.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×