Navigation

Skiplink navigation

Il paradiso delle farfalle

La prima delle quattro cupole con ambiente controllato swissinfo.ch

Riaperto nella località friborghese di Kerzers il nuovo Papiliorama: si estende su quasi cinque ettari di terreno, concessi gratuitamente dal comune.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 aprile 2003 - 17:27

Più spazio per gli insetti più belli e delicati del mondo: cinquanta le specie tropicali esposte.

Il paradiso delle farfalle ha riaperto i battenti martedì a Kerzers, nel Canton Friborgo, dopo averli chiusi per mancanza di spazio nella precedente sede di Marin, nel Canton Neuchâtel, dove era stato inaugurato nel 1988.

Il nuovo Papiliorama si estende su di una superficie di cinque ettari. Negli ambienti protetti sono sistemate una cinquantina di specie di farfalle tropicali, contro la ventina allevate a Marin, dove la notte di San Silvestro del 1995 un incendio distrusse le due cupole che ospitavano le farfalle.

La foresta tropicale in Svizzera

A Kerzers le farfalle tropicali sono state sistemate in una nuova cupola (la prima delle quattro previste), alta dodici metri e con un diametro di 40, più spaziosa delle precedenti.

Nel parco tropicale si possono ammirare centinaia di fiori, una quindicina di varietà di palme e numerose specie d'uccelli, come i colibrì o le quaglie nane.

A giugno sarà inaugurata la seconda cupola, chiamata Nocturama e destinata alle farfalle che vivono di notte.

L'anno prossimo poi, apertura della terza cupola che ospiterà Jungle Park, una vera e propria foresta tropicale.

Infine la quarta cupola accoglierà il giardino delle farfalle, popolato da lepidotteri indigeni.

In via d'estinzione

"È un progetto al quale teniamo molto, perché negli ultimi decenni molte specie di farfalle si sono estinte", dichiara a swissinfo il direttore Caspar Bijleveld, figlio del fondatore del Papiliorama Maarten Bijlevel.

I lepidotteri indigeni non hanno infatti un'esistenza rosea come i loro cugini tropicali del Papiliorama. Lo ricorda Pro Natura con la campagna di sensibilizzazione "Più farfalle attorno a noi", lanciata all'inizio del mese di aprile.

Secondo le proiezioni dell'organizzazione di tutela dell'ambiente, i due terzi delle 190 specie di farfalle diurne che vivono in Svizzera sono minacciate; una dozzina addirittura d'estinzione.

Più spazio nelle quattro cupole

Delle quattro cupole che costituiranno il complesso finale, la prima - quella delle farfalle tropicali - è stata costruita nel tempo primato di dieci mesi.

L'impulso alla realizzazione del nuovo Papiliorama è stato dato, come ha ricordato il fondatore Maarten Bijleveld, dal Comune di Kerzers, che ha messo a disposizione il terreno.

L'area, pari a circa undici campi da calcio, è una concessione gratuita per 66 anni. "Qui a Kerzers adesso abbiamo più spazio e maggiori possibilità d'ampliarci", ha rilevato il direttore di Papiliorama.

Il ritorno del comune di Kerzers

L'opera, che ha richiesto un investimento di 9 milioni di franchi, è stata realizzata con il contributo di numerosi volontari e 108 tra imprese ed istituzioni locali che hanno partecipato direttamente con materiale e lavoro.

Oltre alla concessione gratuita del terreno il paradiso delle farfalle, che non ha ottenuto finanziamenti pubblici, ha ricevuto un contributo a fondo perso di 1 milione e 800 mila franchi dalla lotteria romanda.

La controparte del comune di Kerzers per la concessione gratuita dei cinque ettari è rappresentata dalla gestione del parcheggio. Nella precedente sede di Mairin, il Papiliorama era visitato annualmente da 200 mila persone.

La stazione delle farfalle

Entro l'anno prossimo il Papiliorama sarà visitabile nell'insieme della sua offerta. Fino ad allora bisognerà pazientare anche per avere un collegamento ferroviario.

La stazione delle farfalle, sulla tratta ferroviaria Kerzers-Lyss, sarà inaugurata nell'autunno del 2004.

Recarsi in treno al Papiliorama si può comunque fare fin da ora, perché alla stazione di Kerzers è operante un apposito servizio pubblico.

swissinfo, Christian Raaflaub
(Traduzione e adattamento: swissinfo, Sergio Regazzoni)

In breve

Il paradiso delle farfalle ha riaperto i battenti martedì a Kerzers, nel Canton Friborgo.

Tra palme, fiori, uccelli, una cinquantina di rari lepidotteri tropicali.

Il nuovo Papiliorama frutto di un accordo tra pubblico e privato.

End of insertion

Fatti e cifre

50, le specie di farfalle tropicali presenti
40, i metri di diametro della nuova cupola
5, gli ettari del paradiso delle farfalle
66, gli anni della concessione gratuita
9, i milioni di franchi investiti

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo