Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il premio Latsis a un biologo molecolare

Michael Hengartner da anni effettua ricerche sull'invertebrato Caenorhabditis elegans.

(SNF)

Il biologo molecolare Michael Hengartner dell'Università di Zurigo è stato insignito del premio Latsis 2006, dotato di 100'000 franchi.

Il premio è uno dei riconoscimenti scientifici più importanti della Svizzera.

«Avete percorso il cammino che vi porta dal vermiciattolo all'uomo, ma molte cose in voi derivano ancora da quel vermiciattolo».

Con questa citazione tratta da «Così parlò Zarathustra» di Nietzsche il sito internet del laboratorio di ricerca dell'Università di Zurigo diretto da Michael Hengartner accoglie i suoi visitatori.

Proprio un minuscolo verme, il Caenorhabditis elegans, è l'oggetto esclusivo di lavoro di ricerca del professore di biologia molecolare. Questo invertebrato è infatti dotato di proprietà che gli hanno garantito uno statuto speciale nell'ambito della biologia molecolare: quello di «organismo modello» e per questo è uno degli oggetti di studio prediletti dai biologi.

Michael Hengartner, che afferma di avere iniziato per caso, quando ancora era un giovane dottorando, ad analizzare le molteplici proprietà del C. elegans, vi ha poi consacrato oltre due decenni di studi.

Brillante carriera

Vincitore del premio Latsis Svizzera 2006, il quarantenne biologo molecolare vanta una brillante carriera.

A soli 27 anni aveva già al suo attivo numerose conferenze a livello internazionale e dirigeva un gruppo di ricercatori presso l'Istituto di ricerca di Cold Spring Harbor (USA), diretto da James Watson, il celebre scopritore della struttura del DNA.

Dopo essere rimasto sette anni negli Stati Uniti, il ricercatore elvetico-canadese occupa dal 2001 la cattedra di professore ordinario di biologia molecolare all'Università di Zurigo, dove è impegnato su numerosi fronti della ricerca sul C. elegans.

Oltre alla ricerca, Hengartner attribuisce grande importanza alla formazione. Ha così avviato un programma il cui scopo consiste nello scovare sul terreno della microbiologia i migliori dottorandi per poi farli lavorare con lui a Zurigo. Ha inoltre contribuito al progetto «Life Science Zurich» che si occupa di stabilire un contatto privilegiato fra gli istituti accademici e le scuole secondarie.

Premio per i giovani

Il premio Latsis, tra le distinzioni scientifiche più importanti della Svizzera, è attribuito ogni anno dal Fondo nazionale svizzero su mandato della fondazione Latsis di Ginevra ad un ricercatore di meno di 40 anni attivo in Svizzera.

Sarà conferito a Michael Hengartner il prossimo 11 gennaio durante una cerimonia a Berna.

swissinfo e agenzie

In breve

La fondazione Latsis, istituto non lucrativo d'interesse pubblico, è stata fondata nel 1975 dalla famiglia greca Latsis a Ginevra.

Annualmente, attribuisce quattro premi universitari di 25'000 franchi l'uno e un premio Latsis nazionale ed europeo dotati, ciascuno, di 100'000 franchi.

Dal 1984, il Premio nazionale Latsis viene distribuito dal Fondo nazionale per la ricerca scientifica su mandato della fondazione.

Non ci sono dei concorsi pubblici. I vincitori sono selezionati direttamente dal Fondo nazionale.

Fine della finestrella

Caenorhabditis elegans

Questi microscopici vermiciattoli (ne starebbero 10'000 sul palmo di una mano) sono particolari nematodi che servono da organismo modello per numerosi studi di biologia molecolare.

Molti loro meccanismi vitali sono controllati da geni simili a quelli dell'uomo, così che si spera di poter applicare alle cure delle malattie umane le conoscenze acquisite sui vermi.

Essendo ermafroditi non hanno bisogno di un partner per generare centinaia di vermetti in un colpo solo.

Possono essere congelati e, riportati alla temperatura dell'ambiente, riprendono tranquillamente la loro vita.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza