Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il servizio di Federer per i bambini sudafricani

Federer aiuta i bambini sudafricani

(Keystone)

Mentre Federer difende il titolo a Wimbledon, la fondazione caritatevole che porta il suo nome lancia la prima iniziativa in Sudafrica.

Il numero uno del tennis mondiale si associa ad un’organizzazione a partecipazione svizzera e sudafricana nella township di New Brighton.

Lo scorso dicembre il ventiduenne tennista di Basilea ha avuto l'idea della “Fondazione Roger Federer”, alla fine di un anno che lo ha visto vincitore di ben sette titoli.

Nel 2003 si stima che i suoi guadagni in premi siano stati pari a 16 milioni di franchi, una parte dei quali sono già stati accantonati a vantaggio della fondazione che porta il suo nome.

Il tennista ha rivelato di voler collaborare con “Imbewu”, un’organizzazione non governativa che si occupa di giovani nella township di New Brighton, appena fuori dalla città sudafricana di Port Elizabeth.

La collaborazione con Imbewu inizia ufficialmente questo mese. Il suo scopo è di migliorare le condizioni di vita dei giovani che crescono in un’area in cui la disoccupazione tocca punte dell’80%.

Giovani meno fortunati

“La fondazione è per me un modo di fare qualcosa per chi è più svantaggiato,” ha dichiarato Federer.

La sua fondazione collaborerà con Imbewu mandando a scuola una trentina di bambini. Il coordinatore di Imbewu in Svizzera, Pascal Holliger, confessa a swissinfo di essere stato “colto di sorpresa” quando la star del tennis ha deciso di collaborare con la sua organizzazione.

“È difficile credere che un campione così famoso voglia associare il proprio nome ad un’organizzazione così piccola come la nostra”.

“Ma penso che il nostro lavoro rifletta il tipo di persona che è Roger Federer: umile e vicino alla gente. Avrebbe potuto sostenere un’organizzazione umanitaria più grande, che gli avrebbe portato molta più pubblicità, ma non era il suo scopo”.

Un altro motivo per cui Federer ha deciso di impegnarsi per il Sudafrica è che sua madre è cresciuta in quel paese.

“Ho sempre sentito una forte affinità con il Sudafrica … e Imbewu mi permetterà di aiutare in modo pratico bambini e giovani di un area molto degradata,” ha dichiarato il campione.

Educazione e salute

Imbewu sponsorizza programmi educativi per i bambini di New Brighton e progetti di prevenzione dell’AIDS. Secondo Holliger, in alcune parti della township il 40% della popolazione è sieropositiva.

“Questo è un problema enorme. Ogni volta che ritorno in Sudafrica scopro che qualcuno che conosco è morto. Le campagne di prevenzione sono cruciali”.

Amministratori legali della fondazione sono i genitori di Roger Federer, che hanno già visitato alcuni dei progetti di Imbewu.

Ma il difensore del titolo di Wimbledon non è ancora una celebrità nella township: “Speriamo di vederlo qui molto presto”, dice Holliger “perchè il nostro scopo è di creare una vera partnership con Roger, in cui possa essere coinvolto nei progetti che realizziamo”.

“All’inizio nessuno sapeva chi fosse, ma sta cominciando a guadagnare più fama ora. Roger diventerà sicuramente un grande per New Brighton, che vinca o meno a Wimbledon”.

swissinfo, Ramsey Zarifeh
traduzione, Raffaella Rossello

In breve

Roger Federer afferma di aver avuto l’idea della fondazione umanitaria il giorno di Natale del 2003.

Il suo primo progetto all’estero è la sponsorizzazione dell’associazione svizzero-sudafricana Imbewu.

L’organizzazione si occupa di programmi educativi, sportivi e di prevenzione dell’AIDS nella township di New Brighton.

Fine della finestrella


Link

×