Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il sogno è già finito per la Under 20

Quando la Nigeria ha marcato il terzo gol, la sorte della Svizzera era già segnata

(Keystone)

Sconfitta per 3-0 dalla Nigeria, la Svizzera non riesce ad approdare agli ottavi di finale dei Campionati mondiali di calcio giovanili in corso in Olanda.

Giunta per la prima volta alla fase finale della competizione, la compagine elvetica può nutrire qualche rimpianto.

Ai giovani rossocrociati sarebbe bastato un pareggio per assicurarsi il passaggio del turno. A Enschede, i campioni d'Africa della Nigeria non hanno però lasciato scampo agli elvetici, surclassandoli con un netto 3-0.

Ad affossare le speranze rossocrociate ci hanno pensato Ogbuke al 50esimo, Mikel su rigore al 59esimo e il capitano Isaac all'85esimo.

Eppure tutto era cominciato per il verso giusto

Dopo l'ottima prestazione nella partita d'esordio contro la Corea del Sud, sconfitta per 2-1 grazie ai gol di Antic e Vonlanthen, gli svizzeri non sono più riusciti a ripetersi.

Nella seconda partita, la compagine rossocrociata ha fatto gioco pari contro i campioni del mondo in carica del Brasile, ma è uscita sconfitta per 1-0, non riuscendo a concretizzare diverse occasioni.

Malgrado i proclami della vigilia, contro i nigeriani la Svizzera è sembrata entrare sul campo con l'intento di preservare lo 0-0, risultato che gli sarebbe bastato per assicurarsi la qualificazione agli ottavi.

La squadra rossocrociata ha sì giocato in maniera compatta ed aggressiva, come aveva chiesto l'allenatore Pierre André Schürmann, ma, anche a causa della cattiva forma dei suoi migliori giocatori (Philippe Senderos a parte) è stata incapace di inquietare gli avversari.

Durante il primo tempo, il portiere nigeriano Venzekin non ha dovuto effettuare una sola parata.

Incapaci di reagire

Dopo il gol di Ogbuke, gli elvetici non sono riusciti a reagire come avevano fatto contro la Corea del Sud e il Brasile.

Un rigore concesso per un fallo di Salatic sull'incontenibile Ogbuke ha poi posto fine alle speranze elvetiche. König dapprima riusciva a parare il tiro di Mikel. Su indicazione del guardialinee, l'arbitro Ruiz faceva però calciare di nuovo il rigore, poiché il portiere svizzero era avanzato di qualche decina di centimetri prima del tiro. Al secondo tentativo questa volta Mikel non sbagliava.

Eccellenti tecnici e possenti fisicamente i nigeriani sono poi riusciti a gestire il vantaggio senza patemi d'animo, siglando il definitivo KO a pochi minuti dal fischio finale.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Nigeria – Svizzera: 3-0 (0-0)
Partita giocata a Enschede davanti a 5'000 spettatori
Classifica finale del gruppo F (dopo 3 partite):
1. Brasile 7 punti
2. Nigeria 4
3. Corea del Sud 3 (3:5)
4. Svizzera 3 (2:5)

Fine della finestrella


Link

×