Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Internet al servizio dei cittadini

La homepage di ch.ch

(swissinfo.ch)

La Cancelleria federale ha lanciato lunedì un nuovo sito per aiutare i cittadini a orientarsi nei meandri dell'amministrazione.

Ch.ch è il nome del portale. Si tratta di una collaborazione fra Confederazione, cantoni e comuni.

Aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, lo sportello virtuale comune delle amministrazioni pubbliche federali, cantonali e comunali è accessibile da lunedì nella fase sperimentale.

Al termine del periodo di prova - che consentirà di perfezionare il portale internet - www.ch.ch sarà ufficialmente presentato al pubblico in autunno.

Nel frattempo i cittadini sono invitati a visitarlo e a formulare proposte e consigli in modo da creare un sito che risponda adeguatamente ai bisogni dell'utenza.

Informazioni sulle amministrazioni

Attualmente piattaforma telematica, offre informazioni nelle quattro lingue nazionali - tedesco, francese, italiano e romancio - sulle amministrazioni della Confederazione, dei cantoni e dei comuni.

La versione in inglese è in fase di elaborazione, precisa la Cancelleria federale in una nota diramata lunedì.

"L'idea è quella di facilitare l'accesso alle informazioni di base, detenute dai poteri pubblici", spiega a swissinfo Christian Suter, responsabile della comunicazione di ch.ch.

"Possiamo essere paragonati ad un sistema di navigazione", dice Suter, "prendiamo le persone per mano e le accompagnamo alla pagina che le interessa".

Oltre a riunire in un unico portale tutte le amministrazioni pubbliche della Svizzera collegando i siti internet dei partner del progetto, www.ch.ch permette di ottenere in modo semplice e diretto le informazioni ricercate, spiega la Cancelleria.

In fase di test

Allo stadio attuale lo sportello virtuale presenta ancora lacune, osserva la Cancelleria. Ad esempio non sono ancora collegati tutti i comuni ed è stata inserita solo parte dei temi. Ma nel corso dei prossimi mesi sarà potenziato e migliorato costantemente.

Christian Suter è comunque ottimista: "Nel confronto internazionale, il livello della Svizzera è buono. Dei 2'800 comuni, il 60% possiede un proprio sito".

Il successo dell'operazione non dipenderà comunque solo dalla collaborazione attiva di tutte le amministrazioni e dalla supervisione: i promotori puntano anche sulla partecipazione della popolazione.

Per questo è stata predisposta l'apposita rubrica "la vostra opinione", dove l'utenza è invitata a fornire commenti e valutazioni.

swissinfo e agenzie

In breve

Lo sportello elettronico è una fonte preziosa di informazioni anche per gli svizzeri dell'estero. Nella rubrica "Vivere all'estero" potranno informarsi sulle formalità necessarie in caso di emigrazione e sui diritti e doveri che hanno verso la patria.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

Il Consiglio federale ha fissato un budget di 30 milioni di franchi per 4 anni
21 milionidi franchi serviranno a sviluppare lo sportello virtuale
9 milioni di franchi verranno stanziati per la creazione del voto elettronico

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×