Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

KRONENHALLE di Zurigo Il ristorante il cui piatto principale è appeso al muro

In un'epoca di chef stellati e di classifiche gastronomiche, il ristorante Kronenhalle di Zurigo si distingue per la sua scelta di abbinare l'arte della gastronomia all'arte stessa. E ora, la collezione di capolavori modernisti appesi alle sue pareti è finalmente illustrata in un catalogo.

Pays de RêveLink esterno cerca di essere fedele allo stretto contatto che il ristorante ha con gli artisti che ha ospitato per decenni. Si tratta di un raffinato libro illustrato con immagini d'archivio e una serie di foto delle opere d'arte esposte nel contesto del ristorante (vedi la galleria qui sopra). La casa editrice ha inoltre incaricato quattro giovani scrittori zurighesi di pubblicare testi letterari che evocano l'atmosfera senza tempo - passata e presente - della KronenhalleLink esterno.

Duelli intellettuali

Il libro sintetizza perfettamente il ruolo della Kronenhalle nella vita culturale della città, anche se i molti contributori sono troppo giovani per aver vissuto i giorni della Kronenhalle quando gli scrittori svizzeri Max Frisch e Friedrich Dürrenmatt si dedicavano ai loro duelli intellettuali. O quando anche artisti poveri e scrittori, come James Joyce, rifugiatosi nella Svizzera neutrale durante la Prima guerra mondiale, potevano ancora assaporare la zuppa a prezzi accessibili preparata da Hulda Zumsteg. La leggendaria padrona di casa si assicurava che gli artisti non fossero scoraggiati dai prezzi esorbitanti dei menù.

"Durante la Seconda guerra mondiale c'era un tavolo di studenti in cui tutti bevevano molta birra, ma mangiavano poco. Questo non poteva essere un bene per quei giovani stomaci! Sono andata in cucina, ho fatto preparare loro una grande pentola di zuppa di carne, ho aggiunto qualche salsiccia tritata e l'ho offerta ai giovani. Molti di loro sarebbero poi diventati uomini di un certo livello e autorità", ha ricordato tempo fa Hulda Zumsteg.

Investimenti nell'arte

Purtroppo, quell'epoca è andata e oggi la Kronenhalle è forse diventata troppo costosa per soddisfare la scena artistica contemporanea di Zurigo, sempre che ce ne sia ancora una in città. Ma le opere d'arte alle pareti sono una testimonianza dell'attenzione che Gustav Zumsteg dedicò sia al menù sia alla collezione.

Gustav iniziò a condividere la gestione del bar e del ristorante con la madre nel 1975. La sua passione principale era la seta, il cui commercio lo avvicinò al mondo della moda e dell'arte.

Gli avventori dicevano scherzosamente che l'appartamento di Gustav, situato nello stesso edificio, era troppo piccolo per ospitare così tante opere. Ma in realtà Gustav stava solo portando avanti i legami che aveva creato in Francia durante la Seconda guerra mondiale e nel Dopoguerra, quando fece amicizia e sostenne molti degli artisti le cui opere ornano oggi il ristorante.

Un luogo unico nel panorama globale

Nessuno poteva immaginare che decenni dopo queste opere d'arte avrebbero avuto un valore di centinaia di migliaia se non di milioni di dollari. Ma a quel tempo, il collezionismo d'arte non era un investimento di successo come lo è oggi.

La stessa Kronenhalle era situata nel cuore della scena artistica e bohémien di Zurigo, di fronte al Café Odeon e al ristorante Terrasse, a pochi passi dal Museo d'arte (Kunsthaus) e dall'allora noto teatro antifascista Pfauen (oggi Schauspielhaus). Tutti questi punti di riferimento culturali della città sono rimasti, ma oggi la Kronenhalle riflette il lato più glamour della città, rivolgendosi più all'élite finanziaria di Zurigo che ai suoi artisti.

I curatori di musei e i conservatori d'arte potrebbero inorridirsi al fatto che delle opere così preziose siano esposte in un ristorante (umidità, luce del sole, bambini, ubriaconi, ecc.). Continueranno ciononostante a frequentare la Kronenhalle finché il ristorante esisterà, come stabilito da Gustav nel suo testamento (è morto nel 2005, all'età di 89 anni).

La collezione è curata dalla Fondazione Hulda e Gustav Zumsteg, da lui creata nel 1985 dopo la morte della madre. In questo modo, la Kronenhalle mantiene la sua eccezionalità nel panorama gastronomico mondiale, indipendentemente dalle stelle Michelin o dalle valutazioni di TripAdvisor.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.