Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'Euro 2008 non si limita a un pallone

La maglia che i giocatori rossocrociati indossavano in occasione della finale delle Olimpiadi del 1924 e in verde la versione rivisitata.

(1924.ch)

Gli organizzatori dei campionati europei di calcio del 2008 vogliono coinvolgere tutta la popolazione svizzera e destare l'interesse per questa grande manifestazione.

In occasione di un workshop tenutosi lunedì, l'Ufficio federale dello sport ha informato i rappresentanti di oltre 100 città svizzere sui progetti organizzati in vista dell'Euro 2008.

Una grande manifestazione sportiva come i campionati europei di calcio del 2008 deve coinvolgere la popolazione nel suo insieme e non solo gli appassionati di pallone.

È partendo da questo presupposto che l'Ufficio federale dello sport (UFSPO) ha organizzato lunedì a Macolin, nel canton Berna, un workshop per presentare i progetti e le attività previste in occasione dell'Euro 2008, organizzato congiuntamente da Svizzera ed Austria.

All'incontro hanno preso parte i rappresentanti di oltre 100 città. La prossima riunione è prevista nel marzo del 2007. Entro questa data, le città e i cantoni dovranno precisare in che misura vogliono sostenere i progetti.

Programma variato

Per risvegliere l'interesse del pubblico, gli organizzatori puntano su un programma di manifestazioni assai poliedrico.

Su mandato dell'Ufficio federale della cultura, il museo svizzero dello sport di Basilea ha ad esempio elaborato la mostra intitolata "1924 – Ci riprenderemo il titolo", un progetto che si rifà all'ottima prestazione dei rossocrociati nel lontano 1924.

L'esposizione ricorda il titolo - non ufficiale - di campioni europei conferito agli svizzeri in occasione delle Olimpiadi del 1924, dopo la finale persa con l'Uruguay per 3 a 0.

L'Associazione svizzera di calcio (ASF) dal canto suo ha presentato la campagna "Play Football Switzerland on Tour", che inizierà nel 2007.

Coinvolgere anche i più piccoli

Un camion di colore biancorosso, percorrerà tutta la Svizzera e farà tappa in molte città e villaggi. Ad ogni fermata, il calcio sarà per un giorno al centro dell'attenzione, con un'offerta per tutta la famiglia: tiri in porta, test di abilità, allenamento per i portieri, calcio balilla e diversi programmi di contorno.

Con il progetto binazionale "Fair Play Euro Schools 2008" gli allievi di 400 scuole svizzere ed austriache avranno l'opportunità di confrontarsi con le diverse culture del Vecchio Continente. I giovani potranno, fra l'altro, disputare una sorta di mini campionato europeo.

Sul fronte dell'attività fisica, si cercherà pure di coinvolgere i ragazzi dai 5 ai 10 anni. L'obiettivo è di stimolare i bambini a fare movimento anche al di fuori dell'ora di educazione fisica, attraverso dei giochi.

swissinfo

Fatti e cifre

I campionati europei di calcio si svolgeranno in Svizzera e in Austria dal 7 al 29 giugno del 2008.
In Svizzera sono previste 15 partite nelle città di Basilea, Berna, Ginevra e Zurigo.
Il costo complessivo di questa manifestazione sportiva per la collettività è stimato a 182 milioni di franchi.
Il torneo dovrebbe avere ricadute finanziarie pari a circa 500 milioni.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×