Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'Expo.02 a pezzi

L'immenso occhio della cerimonia d'inaugurazione costa 500 franchi (www.usedmarket.com)

Desiderate portarvi a casa un pezzo di esposizione nazionale? Nessun problema. Su internet sono in vendita ben 18'000 articoli di Expo.02. A prezzi d'occasione.

Una svendita prevista già da tempo e che sta suscitando grande interesse nel pubblico.

Scrivanie o mobili d'ufficio. Armadi o vestiti da cerimonia. Computer, macchine da caffé o apparecchi telefonici. Dispensatori di sapone liquido, appendiabiti, cartelli segnaletici o....spazzole da WC.

Oppure la mascotte Lili in ceramica. O dei totem a grandezza naturale. Varie sculture in legno, i famosi tepee dei villaggi indiani o l'immenso occhio apparso durante la cerimonia di inaugurazione. Da pochi giorni anche circa 150 piante e un centinaio di container per WC o per uffici.

Tutti oggetti griffati expo.02, utilizzati negli uffici, durante gli events o nelle esposizioni. Dallo scorso 12 agosto, tutti oggetti in vendita sul sito www.usedmarket.com.

Arteplage sulle nevi?

Per i più esigenti (o facoltosi), a disposizione c'è pure l'arteplage mobile del Jura. Il suo prezzo? Circa 1.2 milioni di franchi. Anche in questo caso gli interessati non mancano, dice a swissinfo Eckehard Ficht, responsabile della società tedesca che si è aggiudicata, tramite concorso pubblico (OMC oblige), l'organizzazione dei "saldi".

L'arteplage pirata potrebbe infatti finire...sulle piste di sci di Corviglia, a San Moritz.

A gonfie vele

"Siamo oberati dal lavoro", sostiene Eckehard Ficht. "Finora abbiamo ricevuto quasi 15'000 ordinazioni. Pur facendo il possibile per elaborare rapidamente le richieste, siamo al limite delle nostre capacità".

Nelle scorse due settimane, www.usedmarket.com ha registrato più di 8 milioni di clicks, la gran parte dei quali provenienti dalla Svizzera. "Ogni cliente riceve una conferma del proprio ordine. Chi è arrivato a tempo - purtroppo alcuni articoli sono già esauriti - riceverà poi l'oggetto prescelto al termine di expo.02".

E quali sono gli articoli maggiormente richiesti? "Un po' di tutto, anche se il materiale d'ufficio è forse quello che interessa di più", rileva Eckehard Ficht.

Non sprecare niente

"Questa colossale vendita era prevista già dalla metà degli anni '90, quando l'esposizione era in fase di concepimento", precisa Laurent Paoliello, portavoce di expo.02. "Tutto quello che abbiamo acquistato deve essere rivenduto: non vogliamo rimanere con una montagna di oggetti inutilizzati".

Secondo il portavoce, l'azione si iscrive nel concetto del Consiglio federale per realizzare un'esposizione nazionale "esemplare dal punto di vista ecologico e del recupero dei materiali".

Un ricordo dell'expo

Nessun improvvisato cerotto per gli acciacchi finanziari dell'expo dunque. "Nel complesso, i ricavi non dovrebbero infatti superare l'ordine del paio di milioni". Che, per le finanze di un expo.02 ancora intenzionata a batter cassa davanti al parlamento, non fanno comunque male.

Sorpresi dall'interesse del pubblico? "Direi di no: i prezzi sono bassi e gli oggetti di ottima qualità", sottolinea Laurent Paoliello. "Inoltre molti sono interessati a possedere un pur piccolo ricordo dell'expo". E ciò, a quanto sembra, qualunque sia la loro opinione sulla manifestazione.

Marzio Pescia, swissinfo

In breve

Da un paio di settimane, circa 18'000 articoli appartenenti all'expo.02 sono in vendita sul sito internet www.usedmarket.com.

La gente risponde con entusiasmo all'azione, voluta dalla direzione di expo.02 per limitare al minimo lo spreco di materiale a manifestazione finita.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

18'000 oggetti in vendita
15'000 ordinazioni già pervenute
incasso totale stimato: 2/3 milioni di franchi

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×