Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'industria sempre più in salute

L'industria svizzera conferma la tendenza alla crescita anche nel secondo trimestre del 2004.

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, la produzione è aumentata del 4,3%.

Nel secondo trimestre del 2004, gli indicatori segnano tassi di crescita considerevoli.

Lo indica l'Ufficio federale di statistica (Ust) in una nota odierna, precisando che rispetto allo stesso trimestre del 2003 la produzione è aumentata del 4,3 per cento ed il giro d'affari del 7,6 per cento.

Gli afflussi degli ordinativi sono saliti del 10%, mentre i portafogli di ordinazioni sono rimasti stabili.

L’andamento positivo dell’industria svizzera è da ricondurre essenzialmente ai buoni risultati della produzione di beni di consumo e d’investimento.

Includendo le costruzioni, l'aumento del fatturato è stato del 6,9% e le nuove commesse salgono dell'11%.

Rispetto allo stesso trimestre del 2003, le giacenze di prodotti finiti sono diminuite dell'1,5%, prosegue la nota. La diminuzione degli stock si protrae così dal primo trimestre del 2002.

Bene i combustibili, male la carta

Nel settore secondario, il mercato del lavoro non sembra tuttora beneficiare della congiuntura favorevole, osserva l'Ust.

Dal barometro dell'impiego emerge infatti un calo nella maggior parte dei rami economici, nonostante i posti liberi continuino ad aumentare.

Gli aumenti di produzione di gran lunga più elevati sono stati registrati dal ramo “cokeria, raffinazione del petrolio e trattamento dei combustibili nucleari”, seguito dai rami “produzione di altri minerali non metalliferi”, dall’industria del cuoio e delle calzature, dall’industria delle macchine e da quella della chimica.

I rami confrontati a perdite sono stati la “fabbricazione di macchine e apparecchi elettrici; strumenti di precisione e ottici”, l’industria della carta e del cartone, l’editoria e la stampa, la produzione e la distribuzione di energia elettrica, gas e acqua, le industrie alimentari, delle bevande e del tabacco e la lavorazione e trasformazione dei metalli.

Afflussi di ordinazioni ancora ingenti

Rispetto ai risultati dell’anno precedente, gli afflussi di ordinazioni hanno registrato ancora un netto aumento del 10, 2% (+11,2% costruzioni incluse).

Afflussi di ordinazioni elevati, soprattutto dall'estero, sono stati registrati per i beni di consumo. Le ordinazioni di gran lunga più elevate sono state annunciate dall’industria del cuoio e delle calzature.

swissinfo e agenzie

×