La "scoperta del decennio" ad Augusta Raurica presto accessibile al pubblico

Per accedere al pozzo, sotto gli impianti balneari romani restaurati, si scende dalla scala in primo piano. Augusta Raurica Roman town

A due anni dall'inizio degli scavi, sul sito dell'antica città dell'epoca romana di Augusta Raurica, vicino a Basilea, domenica sarà aperto al pubblico un pozzo vecchio di 1700 anni. Durante i lavori gli archeologi avevano scoperto 5 scheletri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2000 - 17:07

Il pozzo era stato scoperto durante lavori di restauro, quando una piccola scavatrice era caduta nell'anfratto. Gli archeologi avevano così scoperto gli scheletri di 5 persone gettate nel pozzo durante l'epoca romana. Dalle tracce trovate sui cadaveri si può dedurre che non si tratta di una normale sepoltura. Ci si è invece probabilmente trovati di fronte a un caso criminale risalente all'epoca romana.

Nello stesso pozzo è poi stata trovata anche una grande quantità di monete false che datano del terzo secolo dopo Cristo e che sono ancora allo studio degli archeologi.

Questo spazio sotterraneo può essere definito "scoperta del decennio" per quanto riguarda il sito di Augusta Raurica. A partire da domenica, i visitatori potranno accedervi attraverso una galleria lunga 12 metri, identica a quella che esisteva all'epoca dei romani.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo