Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La carne svizzera si esporterà più facilmente in Europa

E via, verso l'Europa!

(Keystone)

Giovedì i ministri europei hanno dato via libera ad un adeguamento dell'accordo bilaterale sull'agricoltura.

Le esportazioni di carne, così come quelle di pesce, di miele e di uova verso i paesi dell'Unione europea saranno così semplificate.

Con questa decisione, il Consiglio dei ministri dell'Unione europea (UE) riconosce l'equivalenza della legislazione svizzera in materia di derrate alimentari e di lotta contro le epizoozie.

La Svizzera compierà un passo identico nei confronti delle norme europee. Al proposito, il Consiglio federale ha accettato a metà novembre le necessarie revisioni d'ordinanza.

Concretamente, ciò significa che in futuro, gli esportatori svizzeri di carne, di pesce, di miele o di uova non dovranno più presentare un certificato veterinario. Le importazioni di questi prodotti in provenienza dai paesi dell'UE saranno ugualmente semplificate.

"Partiamo dal presupposto che questo nuovo regime facilitato entrerà in vigore all'inizio del 2007", ha indicato Marcel Falk, portavoce dell'Ufficio federale di veterinaria.

Trasporti di animali

Da un punto di vista formale, questi adattamenti dovranno ancora essere confermati il primo dicembre dal comitato veterinario misto Svizzera-UE.

La nuova regolamentazione rimette in questione il mantenimento da parte della Svizzera del divieto di trasporto internazionale degli animali da macello. La norma veniva finora giustificata con il rischio di epizoozie.

Con il riconoscimento mutuale dei controlli veterinari, la Confederazione necessiterà dunque di una nuova base legale se vorrà continuare a proibire questo tipo di trasporti.

La riunione del prossimo primo dicembre permetterà di farsi una prima idea sul grado di disponibilità dell'UE nei confronti del mantenimento di questo divieto.

swissinfo e agenzie

Accordi bilaterali

Gli accordi bilaterali I e II regolamentano le relazioni tra Svizzera ed Unione Europea in diversi settori. L'UE è il partner economico, culturale ...

In breve

L'accordo sul commercio di prodotti agricoli è parte del primo pacchetto di accordi bilaterali tra Svizzera e Unione europea entrato in vigore il 1. giugno 2002.

L'accordo semplifica lo scambio di prodotti agricoli tramite l'abolizione degli ostacoli non tariffari e la riduzione dei dazi doganali.

Per poter eliminare gli ostacoli non tariffari al commercio, le prescrizioni nei settori della medicina veterinaria, della protezione fitosanitaria e dell'agricoltura biologica così come le norme di qualità riguardanti i prodotti ortofrutticoli, sono riconosciute equivalenti.

La riduzione dei dazi doganali facilita l'accesso ai rispettivi mercati per i prodotti agricoli che presentano un interesse particolare per entrambe le parti contraenti.

La Svizzera ha interesse ad aumentare le esportazioni di prodotti lattieri, settore nel quale detiene esperienze tecniche e conoscenze tradizionali, così come di prodotti ortofrutticoli freschi.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×