Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La nazionale svizzera rientra a casa, Busacca anche

L'autografo di Diego Benaglio era uno dei più richiesti

L'autografo di Diego Benaglio era uno dei più richiesti

(Keystone)

Tre giorno dopo aver dovuto dire addio al Mondiale, la squadra elvetica è atterrata lunedì sera all'aeroporto di Zurigo-Kloten. Ad attenderli vi erano circa 300 tifosi. L'avventura sudafricana è finita anche per l'arbitro Massimo Busacca.

Allo scalo zurighese non vi era di certo la folla dei grandi giorni ad accogliere i giocatori rossocrociati. Comunque circa 300 persone hanno atteso l'arrivo del volo speciale partito da Johannesburg.

Malgrado l'eliminazione, l'ambiente era rilassato e i calciatori elvetici hanno firmato qualche autografo.

Dopo le vacanze – che saranno brevi per coloro che militano in una squadra svizzera, visto che il campionato riprende il 17 luglio – i giocatori ritorneranno nei loro club di appartenenza. Il 7 settembre la nazionale elvetica inizierà poi il torneo di qualificazione per l'Euro 2012, ospitando l'Inghilterra a Basilea.

Alla guida dei rossocrociati vi sarà verosimilmente ancora Ottmar Hitzfeld, che ha un contratto valido fino al 2012. Negli ultimi giorni, le voci di una sua possibile partenza si sono intensificate. Alcuni lo vedevano infatti alla testa dalla Germania. L'interessato ha però dichiarato di voler portare a termine il suo contratto. Una volontà espressa anche dal presidente dell'Associazione svizzera di calcio Peter Gilliéron: «Non abbiamo nessuna intenzione di perderlo», ha dichiarato in un'intervista a Le Matin.

Intanto, martedì ha dovuto fare le valigia anche l'arbitro svizzero Massimo Busacca, che alla vigilia dei Mondiali era dato tra i favoriti per arbitrare la finale. La FIFA non ha fornito spiegazioni alla sua decisione. Il fischietto ticinese era stato pesantemente criticato dal ct del Sudafrica Alberto Parreira dopo il solo incontro che aveva arbitrato, Sudafrica - Uruguay (0-3). Busacca aveva fischiato un rigore contro i padroni di casa ed espulso il portiere. All'inizio dell'azione vi era però un giocatore uruguaiano in sospetta posizione di fuorigioco.

swissinfo.ch


Link

×