Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La notte più gelida dell'inverno

Gli spazzaneve sono costretti ad un intenso lavoro

(Keystone)

Il gelo che sta attanagliando l'Europa ha toccato anchela Svizzera, dove si sono registrate temperature siberiane.

La notte su venerdì è stata la più fredda dell'inverno. In numerose località, la colonnina di mercurio ha superato i 30 gradi sotto lo zero.

La Brevine, nel canton Neuchâtel, si conferma ancora una volta "la Siberia della Svizzera": nella notte su venerdì, il termometro è sceso fino a 35 gradi sotto lo zero.

Temperature sotto i 30 gradi sono pure state registrate nei Grigioni (-30 a Buffalora, -30,3 a Samedan), mentre a Ulrichen, in Vallese, la colonnina di mercurio a toccato i –28,8 gradi.

Ancor più insolito delle estreme temperature – indica MeteoSvizzera – è stato il clima freddo anche a bassa quota. Nei comuni di Grenchen (Soletta) o Aigle (Vaud), il termometro è ad esempio sceso oltre i –17 gradi.

A Ginevra, la temperatura ha toccato i -11,7 gradi. -9,5 gradi invece a Basilea e Zurigo, -14,5 gradi a Berna. Il Ticino, al confronto, appare mite con i -5,2 gradi di Lugano.

"Questa notte glaciale non costituisce tuttavia un evento estremo", osserva Patrick Hächler di MetoSvizzera, ricordando che in passato si sono registrate temperature ben più basse.

Laghi semi vuoti e siccità

Nonostante le abbondanti nevicate, l'aria gelida di questi giorni ha dato luogo a situazioni di siccità e alcuni piccoli laghi sono quasi praticamente vuoti. Il livello dei grandi bacini, come il lago di Costanza a ridosso della frontiera con la Germania, è pure particolarmente basso, sebbene non abbia ancora raggiunto valori di allarme.

Gli agricoltori di La Brevine saranno invece costretti, da settimana prossima, a comperare l'acqua per il loro bestiame dai comuni vicini (Val-de-Travers).

L'acqua nei due pozzi del villaggio ha infatti raggiunto un livello estremamente basso, come non succedeva da 30 anni a questa parte.

"In queste regioni, la scarsità di acqua rappresenta un fenomeno ricorrente durante la brutta stagione. Prima dell'installazione della rete idrica intercomunale, la gente si arrangiava come meglio poteva", spiega Rémy Grether, vice presidente del consiglio comunale di La Brevine.

Le prossime settimane si preannunciano dunque difficili per gli agricoltori neocastellani, considerando che l'acqua sarà loro venduta tra i 12 e i 15 franchi al metro cubo e che ogni ruminante necessita di 80 litri al giorno.

Salvati in extremis

L'onda di maltempo ha portato con sé anche numerosi disagi sulle strade e incidenti.

Giovedì sera, i soccorritori della Rega e del Club alpino svizzero sono dovuti intervenire nei boschi sopra Brissago (canton Ticino), per trarre in salvo un gruppo di 24 studenti svizzeri tedeschi, che all'imbrunire si erano persi in una zona impervia e innevata a circa 1'000 metri di altitudine, con una temperatura di 12 gradi sotto lo zero.

Sei giovani della comitiva – che si era avventurata senza equipaggiamento adeguato - sono stati ricoverati all'ospedale con sintomi di ipotermia.

Firenze innevata

Neve e gelo sono stati registrati anche in gran parte dell'Europa, in particolare in Francia, Gran Bretagna, Italia, Germania, Repubblica Ceca e Turchia, dove sono state toccate temperature da record.

Nella vicina Penisola, la neve è caduta persino nelle regioni dove non si vedeva da decenni. Firenze (Toscana) si è così svegliata completamente imbiancata, come non succedeva da 21 anni.

La neve è pure arrivata alle porte di Roma, provocando disagi alla viabilità. La situazione sembra essere più critica in Campania, dove la protezione civile ha decretato lo stato di emergenza per le condizioni meteo avverse.

swissinfo e agenzie

In breve

In numerose località della Svizzera, la colonnina di mercurio è scesa sotto i meno 30 gradi.

L'aria gelida ha portato a situazioni di siccità locali e alcuni piccoli laghi sono praticamente vuoti.

Per il fine settimana, la meteo si preannuncia un po' più clemente, sebbene nella notte su sabato sono attesi forti venti e nevicate.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

Durante lo scorso inverno, nel marzo 2005, la temperatura più bassa (-33,7 gradi) è stata registrata a La Brevine, nel canton Neuchâtel.
Il comune neocastellano detiene pure il record della temperatura più bassa in assoluto: nella notte tra l'11 e il 12 gennaio 1987 si toccarono i 41,8 gradi sotto lo zero.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×