La Pietra di Unspunnen ritorna alla "Ginnastica" di Interlaken

La Pietra di Unspunnen riconsegnata martedì alla Società di ginnastica di Interlaken dopo essere stata data sabato scorso a Shawne Fielding, moglie dell'ambasciatore svizzero in Germania Thomas Borer Keystone

La pietra di Unspunnen è tornata martedì nelle mani dei suoi proprietari nell'Oberland bernese. E' stata infatti riconsegnata alla Società di ginnastica d'Interlaken dall'ambasciatrice di Expo.02, Shawne Fielding, che l'ha ricevuta in omaggio sabato sera al Mercato-concorso di Saignelégier.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2001 - 19:43

La restituzione del celebre sasso rubato e nascosto dal movimento separatista giurassiano Bélier è stata festeggiata in pompa magna con una manifestazione folcloristica nel centro di Interlaken.

Una delegazione vodese, guidata dal consigliere di Stato Claude Ruey, si è recata a Interlaken per chiedere ufficialmente che la pietra sia esposta alla Festa federale di lotta, in programma dal 24 al 26 agosto a Nyon, nel Canton Vaud. La delegazione ha assicurato che verrebbero prese tutte le necessarie misure di sicurezza per impedire un nuovo furto o altre sgradite sorprese. Il comitato della locale Società di ginnastica si pronuncerà verosimilmente alla fine di questa settimana.

La pietra di Unspunnen è stata consegnata alla Fielding sabato scorso in occasione del Mercato-concorso di Saignelégier, nel Canton Giura. Al termine della parte ufficiale, una donna travestita da cameriera che spingeva un carrello si è avvicinata all'ex Miss Texas. Le ha quindi offerto dei fiori e «una grossa caramella all'essenza alpina elveticamente corretta». La donna si è poi dileguata nella folla. Quando è stato aperto il pacco regalo è stato scoperto che si trattava del celebre sasso trafugato nel 1984 da attivisti «Béliers» dal museo di Unterseen, nel Canton Berna.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo