Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La risoluzione degli studenti

Un attimo di pausa per gli oltre 120 studenti impegnati a riflettere su italiano e plurilinguismo

(swissinfo.ch)

Il romancio non deve rimanere una scritta su una maglietta. La ricchezza delle lingue minoritarie deve essere salvaguardata.

Questa una delle riflessioni degli oltre 120 studenti che hanno preso parte alla giornata di studio all’Università della Svizzera italiana.

In una risoluzione, i partecipanti hanno ribadito l’importanza del plurilinguismo in Svizzera "che permette l’apertura alle diverse culture che convivono nel nostro Paese".

E formulano una proposta: "Aumentiamo l’offerta di scuole bilingui e le possibilità di scambi fra le regioni linguistiche, poiché in Svizzera siamo veramente privilegiati grazie al plurilinguismo".

"Riteniamo che il plurilinguismo svizzero – sottolineano gli studenti - sia un arricchimento che facilita non solo l’apertura verso altre culture, ma anche la mobilità lavorativa in Europa e nel mondo. La Svizzera, quindi, può essere un punto forte di coesione delle varie culture europee".

Dalle discussione nei gruppi di lavoro è pure emerso che le lingue minoritarie - per gli studenti l’italiano, il romancio e i dialetti - sono una ricchezza affettiva e d’identità".

"Per salvaguardare la ricchezza delle lingue minoritarie – propongono i giovani - bisognerebbe creare maggiori offerte lavorative e di svago nelle regioni di minoranza linguistica e integrare sin dalle medie corsi di materie non linguistiche in tutte e quattro le lingue nazionali".

Se è vero che bisogna tutelare le lingue minoritarie, gli studenti affermano con altrettanta convinzione che non si deve demonizzare l’inglese. L’importanza dell’inglese è motivata soprattutto da ragioni d’utilità pratica, lo studio delle lingue nazionali è invece motivato da altri tipi di interessi e valori.

È tuttavia importante che tutte le persone in Svizzera riescano a capirsi. "Per questo – si legge nella risoluzione dei giovani - chiediamo che ogni persona abbia la possibilità di imparare tutte le lingue nazionali, incluso l’italiano e il romancio".

"Noi studenti chiediamo inoltre che il modo d’insegnare le lingue cambi. Per imparare una lingua bisogna avere la possibilità d’inserirsi in un ambiente nel quale la lingua e la cultura sono parlate e vissute. Non s’impara una lingua soltanto studiando a memoria le parole".

swissinfo

×