Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La Svizzera ha esportato armi leggere in Sudan

Profughi sudanesi del Darfur, la flagellata regione ad ovest del Sudan

(Keystone)

La Svizzera nel 2002 ha esportato armi verso il Sudan, paese in cui hanno luogo violazioni dei diritti umani, per un totale di 4,3 milioni di dollari (5,3 milioni di franchi).

Lo afferma il rapporto annuale sulle armi leggere dell'Istituto di studi internazionali di Ginevra (HEI), presentato mercoledì alle Nazioni Unite a New York.

L’HEI elenca le forniture conosciute di armi leggere verso stati sospettati di non rispettare i diritti dell'uomo. La Svizzera, secondo il rapporto, ha esportato materiale bellico anche in direzione di Pakistan, Indonesia e Jugoslavia.

Solo le esportazioni iraniane verso il Sudan, pari a 5,4 milioni di dollari, sono risultate nel 2002 superiori a quelle svizzere, si legge nel documento di 335 pagine dell'istituto ginevrino.

L’HEI ha ottenuto le informazioni da fonti sudanesi, ma non precisa chi fossero gli acquirenti.

Interrogato sui dati comunicati dall'HEI, Othmar Wyss - responsabile del controllo delle esportazioni presso il Segretariato di stato dell'economia (seco) - ha detto che le cifre «o sono false o riguardano armi esportate senza autorizzazione».

Le statistiche ufficiali del Seco indicano che l'export di armi verso il Sudan ammontava nel 2002 a 4'100 franchi.

Interpellata dalla Radio Svizzera Romanda su questa differenza sostanziale, Anna Khakee, tra i responsabili dello studio HEI, non ha escluso un errore nelle cifre fornite dalle autorità del Sudan, evocando in particolare una svista delle dogane sudanesi.

Guerra civile

Mentre si delinea una soluzione di pace nella guerra civile scoppiata oltre 20 anni fa nel Sud del paese, che vedeva opposti il Nord islamico e il più povero Sud, cristiano-animista, una nuova drammatica emergenza alimentare si è aperta nel Darfur, teatro di un nuovo conflitto dalla primavera del 2003.

Gli scontri tra le popolazioni contadine nere e le milizie arabe, sostenute dal governo, hanno provocato finora la morte di almeno 10'000 persone, oltre che 1 milione di sfollati e 200 mila profughi, fuggiti nel Ciad.

Le due fazioni hanno firmato un armistizio nell’ottobre del 2002, con l’aiuto dei mediatori svizzeri a Lucerna. Un ulteriore accordo sulla divisione del potere dovrebbe avvenire in agosto, ma non si può dare nulla per scontato.

I combattimenti del Darfur hanno causato una delle peggiori crisi umanitarie attualmente in atto nel mondo, secondo quanto afferma l’ONU.

Proprio venerdì sera, il segretario generale Kofi Annan è riuscito a strappare al governo sudanese la promessa di inviare truppe nel Darfur, per fermare la violenza dei ribelli.

Milioni per l’umanitario

Durante la sua recente visita di cinque giorni in Sudan, la ministra degli esteri elvetica, Micheline Calmy-Rey si era detta «turbata» dalla situazione umanitaria del Darfur.

All’inizio di giugno a Ginevra, durante una riunione che riguardava quella martoriata regione, Calmy-Rey aveva promesso 10 milioni di franchi per sostenere il programma di aiuti umanitari.

La Direzione per lo sviluppo e la cooperazione (DSC) è presente sul posto dall’autunno del 2003.


swissinfo e agenzie

In breve

Secondo il rapporto annuale sulle armi leggere dell'Istituto di studi internazionali di Ginevra (HEI), nel 2002 la Svizzera ha esportato materiale bellico verso il Sudan, in preda alla guerra civile, per un totale di 4,3 milioni di dollari.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

Dal 1983, in Sudan si confrontano forze governative musulmane e milizie cristiane.
Si ritiene che circa due milioni di persone abbiano già perso la vita.
Il conflitto avrebbe già provocato almeno 10'000 morti e 1 milione di sfollati e rifugiati.
La Svizzera ha stanziato finora 6,4 milioni di franchi in favore delle vittime nel Darfur.

Fine della finestrella


Link

×