Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Le Feste, in 100 anni di disegni dei bambini

Eseguiti dagli alunni delle scuole svizzere, sono conservati da oltre un secolo dalla Fondazione Pestalozzianum

Feste e famiglia, un connubio decisamente protagonista in questi giorni. Ma come le vivono e le vedono i bambini?

È un caleidoscopio di impressioni, speranze e paure quello che emerge dai disegni eseguiti dagli alunni delle scuole svizzere e conservati da oltre 100 anni dalla Fondazione Pastalozzianum di Zurigo.

Una raccolta di oltre 50'000 documenti. Ci sono i disegni che conosciamo: gli alberi di Natale, il San Nicolao con il suo aiutante Schmutzli (particolarità svizzera) e le scene di famiglia, che se osservate negli anni permettono di ricostruire l'evoluzione di questa istituzione-

"Spesso nelle scene di famiglia il padre è distanziato, legge il giornale o fuma, mentre la madre si occupa dei bambini", osserva la storica dell'arte Anna Lehninger, "Ma dagli anni Sessanta le cose cambiano. Attraverso i disegni possiamo infatti seguire i cambiamenti sociali, e vediamo così come i papà sono più presenti e integrati nella vita familiare".

I documenti, conservati nel fondo depositato negli archivi della scuola d'arte di Zurigo, sono per la maggior parte provenienti da concorsi nazionali. Non vi si trovano solo i temi natalizi, ma anche eventi sportivi come le discese e il pattinaggio. Pure la guerra è un tema ricorrente.

"Degli adulti abbiamo grandi quantità di testi, fotografie, moltissime le descrizioni precise", spiega ancora la curatrice del fondo Anna Lehninger. "Questa raccolta offre un'ottica diversa, quella infantile che è molto più rara, ma che riflette in modo altrettanto chiaro valori e gli eventi del tempo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.