Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Le visite di stato aiutano ad aprire le porte

Il presidente svizzero Couchepin con il primo ministro indiano Vajpayee (al centro)

(Keystone)

Il presidente della Confederazione Pascal Couchepin si è felicitato dei risultati della sua missione di sei giorni in India.

Gli accordi bilaterali di cooperazione tecnica e scientifica sottoscritti con New Dehli dovrebbero dare impulso alle relazioni economiche tra i due Paesi.

Martedì, nell'ultimo giorno del suo viaggio ufficiale in India, il presidente della Confederazione Pascal Couchepin si è detto convinto che la sua presenza in territorio indiano abbia contribuito al rapido lancio di un programma di collaborazione tra Berna e New Dehli sul piano scientifico e tecnologico.

«Senza questa visita ci sarebbero voluti tre anni», ha detto il presidente della Confederazione puntualizzando come, invece, il traguardo è stato raggiunto in soli tre mesi.

Le visite a Bangalore e Hyderabad e gli incontri con il presidente indiano Abdul Kalam, con il capo del governo Atal Behari Vajpayee e con vari ministri «hanno dato i necessari impulsi per un rapido avvio», ha spiegato Couchepin ai giornalisti sull'aereo che lo riportava in Svizzera.

Germania e Francia, ha ricordato il consigliere federale, hanno già avviato un centinaio di progetti di collaborazione con l'India ed il polo scientifico elvetico in questo contesto non poteva accumulare ritardi.

«La partnership con New Delhi rappresenta per la Svizzera una chance, visto che in India vivono alcuni dei migliori cervelli».

Workshop e conferenze

Martedì mattina Couchepin ha incontrato il ministro indiano per la tecnica e la scienza Murli Manohar Joshi. Nel corso del colloquio si è parlato dell'applicazione pratica degli accordi siglati, ha comunicato il segretario di stato Charles Kleiber.

La delegazione elvetica e quella indiana hanno stabilito di istituire «workshop» con l'obiettivo di identificare congiuntamente temi e progetti concreti. Nel 2004 si terrà a Losanna una conferenza dedicata alla tecnologia ed il ministro Joshi ha assicurato la propria partecipazione.

Anche il presidente Abdul Kalam potrebbe effettuare un eventuale viaggio ufficiale in Svizzera. Couchepin ha già incontrato Kalam in margine al vertice del G8 di Evian e lo ha invitato a visitare la Confederazione, ma da parte indiana finora non è giunta alcuna risposta ufficiale.

Gli accordi sottoscritti

Lunedì, al termine degli incontri protocollari con l’omologo indiano Abdul Kalam e con il primo ministro Atal Behari Vajpayee, il presidente della Confederazione aveva firmato due accordi bilaterali, uno sulla cooperazione tecnica e scientifica, l'altro sull'aiuto in caso di catastrofe.

Il primo accordo deve permettere a Berna e New Delhi di rafforzare la collaborazione, in particolare tramite scambi tra università.

Il secondo mira a rendere ancora più efficace l'aiuto urgente in occasione di catastrofi naturali. La collaborazione è già molto efficiente: dopo il terremoto del gennaio 2001 nello stato del Gujarat, i soccorritori svizzeri furono i primi ad essere operativi sul posto.

Altri problemi bilaterali sono stati evocati durante gli incontri al vertice, ha precisato Nicolas Bideau, consigliere personale di Couchepin.

swissinfo e agenzie

In breve

Svizzera ed India hanno deciso di dare avvio ad un programma di collaborazione tecnico scientifico sull’esempio di quanto realizzato da Germania e Francia.

È il principale risultato della visita ufficiale di sei giorni in India del presidente della Confederazione Pascal Couchepin.

La partnership con New Dehli giudicata un’opportunità per il polo scientifico elvetico.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×