Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Legami familiari: Alexander Klee, nipote di Paul

Alexander Klee, nipote del famoso artista

(swissinfo.ch)

L’unico nipote di Klee, Alexander, è nato in Bulgaria nel 1940, lo stesso anno della morte di suo nonno. Oggi è presidente della Fondazione Paul Klee a Berna.

Alexander Klee è stato una delle forze motrici che hanno portato alla creazione del prestigioso museo. Ne parla in un'intervista a swissinfo.

swissinfo: Lei ha preso il posto di suo padre, Felix, alla presidenza della Fondazione Paul Klee. Un'eredità pesante?

Alexander Klee: Niente affatto. Si tratta della mia famiglia, la mia storia, mio nonno. Era importante continuare il lavoro di mio padre, dopo la sua morte. Abbiamo sempre lavorato insieme. È stato un ottimo padre: «Quando me ne sarò andato, prenderai tu il mio posto», mi diceva.

L'apertura del centro Paul Klee è un'avventura fantastica. Stiamo creando qualcosa di nuovo. Nessuno sa esattamente come sarà, se andrà bene oppure no. Ma un modo lo troveremo.

swissinfo: Che cosa rappresentava Paul Klee per lei?

A.K.: Per me non era il grandissimo pittore – ma piuttosto il nonno che non avevo mai conosciuto. Avevo 20 anni quando mi sono reso conto che era qualcuno di importante nella storia dell’arte...è difficile spiegare. Per me, quando a otto anni sono venuto a Berna, è stato importante capire che mio nonno aveva vissuto in questa città. Io ero uno straniero qui, ed è stato importante sentire che mio nonno comprava il latte in un determinato negozio, che tra l’altro esiste ancora. Qualche volta cerco di immaginarmelo con il suo cappotto e il cappello.

swissinfo: Dunque lei è il tifoso numero uno di Paul Klee

A.K.: Ma sì, [ride] perché no! Non che ami ogni sua opera solo perché era mio nonno, ma è vero che ho vissuto nella casa di mio padre a Berna con i suoi quadri appesi al muro.

Comunque guardo le opere di mio nonno con lo stesso occhio con cui guardo le opere di Picasso o di chiunque altro. Ci sono cose che preferisco, per esempio tutto ciò che produsse alla fine della sua vita, come i disegni più semplici, con linee molto grandi, che esprimono il senso profondo della vita.

swissinfo: Cosa avvicina così tanta gente alle opere di Paul Klee?

A.K.: Hanno qualcosa di molto intimo, raccontano sempre una storia all'interno di un piccolo spazio, come una poesia. Il lavoro di Klee, in un certo senso, sta a cavallo fra il disegno e la scrittura. Non aveva l'energia latina di un Picasso. Era più intellettuale e i suoi quadri sono molto più calmi e diretti.

swissinfo: Che importanza ebbe per il suo sviluppo artistico il soggiorno di Klee in Germania?

A.K.: Fu molto importante. All'inizio della sua carriera poté scegliere tra la scuola d'arte di Monaco o di Parigi – scelse Monaco. La Germania era più vicina al suo modo di pensare. Come docente del Bauhaus poté realizzare la sua idea di costruzione intellettuale dell'opera.

swissinfo: È abbastanza ironico che Klee sia ricordato come artista elvetico, quando in realtà non ricevette la nazionalità da vivo. Si può dire che fosse davvero un artista svizzero?

A.K.: Assolutamente. Non parlò mai molto bene il tedesco, aveva un forte accento bernese. Recentemente ho scoperto che al Bauhaus parlava in dialetto con un collega, per non farsi capire dagli altri.

Non essere cittadino svizzero non fu per lui un problema all'inizio, ma lo divenne più tardi, con l'ascesa dei nazisti al potere. A quel punto non poteva più identificarsi con la Germania. Il primo Klee ad ottenere la cittadinanza elvetica fu mio padre, negli anni ’60, nello stesso periodo in cui fui naturalizzato anch'io.


Intervista swissinfo: Faryal Mirza
Traduzione dall'inglese: Raffaella Rossello

In breve

Alexander Klee è nato nel 1940 in Bulgaria, l'anno della morte del nonno.

Suo padre Felix, figlio unico di Paul, era direttore d'opera e sua madre, Efrossina, una cantante.

Alexander è un artista e ha anche lavorato come fotografo.

È stato l'ispiratore dell'idea del centro dedicato a Paul Klee.

Fine della finestrella

×