Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Leuthard dà voce agli interessi delle ditte svizzere in Messico

Doris Leuthard discute con il suo omonimo messicano Eduardo Sojo

(Keystone)

Il Messico svolge un ruolo-chiave per le imprese elvetiche nel continente americano. Lo ha detto la ministra elvetica dell'economia, Doris Leuthard, durante il primo giorno della sua visita ufficiale.

In ambito energetico e ambientale, così come in quello economico, i due paesi hanno deciso di collaborare in modo più intenso.

"La Svizzera è nel cuore dell'Europa e il Messico ha una posizione simile nel continente americano", ha affermato martedì sera Doris Leuthard al termine dell'incontro con il suo omologo Eduardo Sojo nel primo giorno della sua missione economica nel paese.

Per informare le imprese delle opportunità da sfruttare in tale contesto nel 2008 saranno organizzati due seminari, uno in Svizzera e l'altro in Messico, ha annunciato il Dipartimento federale dell'economia (DFE).

Ad approfittarne potrebbero essere soprattutto rami economici come le macchine, i farmaci, le biotecnologie e la logistica, ha indicato Sojo. Ma potrebbero avere buone opportunità pure le assicurazioni: in effetti l'aumento degli standard di vita incita i messicani a proteggere meglio i propri averi.

Ambiente e energia

I due paesi vogliono inoltre cooperare assiduamente nel campo ambientale ed energetico. A questo scopo intendono elaborare nelle prossime settimane un protocollo d'intesa ("memorandum of understanding") in tal senso. La Leuthard e il ministro dell'ambiente messicano hanno avuto un primo contatto esplorativo, ha detto la portavoce del DFE Evelyn Kobelt. I punti e le modalità della collaborazione devono ancora essere definiti.

Di fatto, l'ambiente figura tra le priorità del governo messicano. Il paese affronta grandi sfide a tutti i livelli: gestione dell'acqua, dell'aria, dei rifiuti e delle energie rinnovabili.

Questi mercati rappresentano diverse centinaia di milioni di dollari, con tassi di crescita attesi di oltre il 5% nei prossimi anni, ha spiegato lo specialista José Antonio Ortega presentando in una tavola rotonda uno studio sulle opportunità in questi settori.

Barriere per le PMI

Resta che il cammino rimane difficile per le imprese elvetiche. Burocrazia, contraffazioni, corruzione ed insicurezza rappresentano ancora dei freni al commercio, soprattutto per le piccole e medie imprese, ha sottolineato Thomas Pletscher, di economiesuisse. Bisogna quindi perfezionare alcuni punti dell'accordo di libero scambio fra il Messico e AELS (Associazione europea di libero scambio), in vigore dal 2001.

"Le discussioni si sono rivelate molto costruttive. Abbiamo l'impressione di essere stati presi sul serio, ma non possiamo attenderci risultati immediati", ha detto Doris Leuthard a swissinfo.

La ciliegina sulla torta sarebbe l'introduzione di un volo diretto fra Città del Messico e Zurigo, una richiesta che gli imprenditori elvetici hanno espresso martedì. Pare che la compagnia Aeromexico stia valutando delle destinazioni in Europa "e preferiremmo che la scelta cadesse su Unique piuttosto che su Bruxelles!", ha sottolineato Pletscher.

Dipendere meno dagli USA

Per il ministro dell'economia messicano, lo sviluppo del commercio con la Svizzera e l'Europa ha un'importanza particolare: la Cina ha spodestato il paese centroamericano dalla posizione di primo esportatore verso gli Stati Uniti nel 2001-2002.

Per non dipendere più unicamente dagli USA, il Messico deve dunque diversificare i suoi mercati d'esportazione e dinamizzare il mercato domestico.

"Siamo meglio preparati che in passato ad affrontare il rallentamento dell'economia americana", ha spiegato Sojo. Il Messico lavora già da anni a favore di un'economia più efficiente. In particolare la riforma fiscale fornirà risorse supplementari per migliorare le infrastrutture.

swissinfo e agenzie

In breve

Il Messico e l'Associazione europea di libero scambio (AELS), di cui fa parte anche la Svizzera, hanno firmato un accordo di libero scambio, entrato in vigore nel 2001.

Nel 1993, Svizzera e Messico hanno siglato un accordo per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e un altro sulla protezione degli investimenti nel 1995.

In Messico sono attive oltre 400 compagnie elvetiche. Fra queste si annoverano il produttore di cemento Holcim, il gruppo farmaceutico Roche, le due più grandi banche elvetiche UBS e Credit Suisse, il gigante alimentare Nestlé e il gruppo elettrotecnico ABB.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×