Denuncia per spionaggio contro la vicepresidente del Nazionale?

La trasmissione a un'agenzia di pubbliche relazioni di informazioni riservate, provenienti dalla Commissione parlamentare di politica estera, potrebbero avere conseguenze giudiziarie per la vicepresidente del Consiglio nazionale Christa Markwalder. Secondo alcuni giornali domenicali, la deputata bernese potrebbe essere denunciata per violazione del segreto di ufficio e persino per spionaggio. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2015 - 09:00
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (Telegiornale del 17.05.2015)

Il caso dovrà dapprima essere esaminato dalla stessa Commissione di politica estera, ha dichiarato domenica il suo presidente, il socialista Carlo Sommaruga. Alcuni membri della commissione sarebbero invece favorevoli ad una denuncia, ma non vogliono esprimersi prima che la deputata bernese fornisca ufficialmente la sua versione dei fatti. 

Il cosidetto affare Kazhakistan mette sempre più sotto pressione anche lo stesso Partito liberale radicale (PLR). In un’intervista alla radio svizzero tedesca SRF, il presidente dei radicali liberali Philipp Müller ha ribadito di voler difendere prima di tutto gli interessi del partito. 

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo