Maggiori sussidi federali alle università

Giornata dedicata ai dibattiti concernenti le scuole superiori Keystone

La Confederazione deve aumentare notevolmente i sussidi concessi alle università. Con 114 voti contro 33, il Consiglio nazionale ha trasmesso al Consiglio federale una mozione in questo senso degli Stati. Approvato anche un credito per le scuole politecniche federali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2001 - 19:14

La proposta di Gian-Reto Plattner (PS/BS), accettata in giugno dagli Stati all'unanimità, prevede un aumento annuale di 60 milioni di franchi tra il 2002 e il 2012. Nel 2000, i contributi federali alle università hanno raggiunto i 380 milioni di franchi.

Le università hanno urgente bisogno di denaro per conservare e sviluppare le attività di loro competenza, ha spiegato Käthy Bangerter (PLR/BE). È indispensabile sostenere la formazione e la ricerca - le «materie prime» della Svizzera - affinché le università restino competitive a livello internazionale.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche la ticinese Chiara Simoneschi (PPD), per la quale è opportuno dare ciò che è giusto per poter mantenere la Svizzera a un livello competitivo. Dobbiamo votare convinti questa mozione - ha proseguito - poiché non è assolutamente accettabile che in uno Stato come il nostro non si investa nella formazione.

PPD, PLR, PS, liberali e Verdi hanno sostenuto questi punti di vista. Numerosi parlamentari hanno però approfittato per chiedere un miglior coordinamento tra le università.

Una minoranza avrebbe voluto trasformare la mozione nella versione meno impegnativa del postulato, come proponeva il Consiglio federale. Per Hansruedi Wandfluh (UDC/BE) il sollecitato aumento dei sussidi federali è troppo importante. «Rischia di nuocere agli altri settori dell'educazione».

A suo modo di vedere, le università hanno i mezzi per «tirare la cinghia». Inoltre, dal 1996 il contributo di base della Confederazione alle università è aumentato, mentre quello dei cantoni è diminuito, ha aggiunto Wandfluh.

Le università hanno bisogno di soldi, ha indicato la consigliera federale Ruth Dreifuss. Il parlamento ha accettato i sussidi quadriennali fino al 2003. Non è certo che un aumento dei mezzi possa essere deciso durante questa fase, ha aggiunto.

La ministra dell'interno ha invitato i consiglieri nazionali ad affrontare la questione in occasione, in dicembre, dell'esame del preventivo della Confederazione, nonché al momento di elaborare il prossimo piano quadriennale. «Occorre compiere un passo dopo l'altro», ha aggiunto. Ma i deputati hanno ugualmente scelto la via della mozione.

Nuovi crediti per le SPF

Losanna fa la parte del leone, con un credito di 80 milioni destinati alla costruzione di nuovi locali nel settore dei sistemi di comunicazione e d'informazione. La SPF di Losanna svolge un ruolo di primo piano in questo settore a livello nazionale e internazionale, ha sottolineato Heinrich Estermann (PPD/LU) a nome della commissione.

Altri 15 milioni di franchi sono attribuiti al rinnovo parziale del laboratorio di meccanica 2 della SPF di Zurigo. Un credito addizionale di 1,2 milioni servirà a coprire il rincaro nei lavori di modifica di un edificio che ospita laboratori della stessa scuola.

Gli oltre 84 milioni di franchi rimanenti concernono progetti per un costo inferiore a 10 milioni. Su questo credito di 180 milioni dovrà ancora pronunciarsi il Consiglio degli Stati.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo