Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Mbeki chiama all'azione

Il presidente sudafricano ha rivolto parole esplicite ai paesi ricchi

(Keystone)

Il secondo Summit mondiale sullo sviluppo sostenibile è iniziato al suono dei tamburi, nella città sudafricana di Johannesburg.

Il presidente del paese ospite, Thabo Mbeki, ha invitato i leader mondiali a impegnarsi perché sia raggiunto un accordo.

Durante la cerimonia ufficiale di apertura nell'Ubuntu Village -sito espositivo principale della conferenza e sede della piattaforma d'informazione svizzera "Svizzera sostenibile" - suonatori di tamburi hanno accolto i delegati giunti a Johannesburg, mentre Mbeki ha messo in evidenza i problemi aperti.

"Vediamo un mondo malato di povertà, disuguaglianza e degrado ambientale", ha detto il presidente sudafricano.

"È un mondo in cui una ricca minoranza gode di livelli di consumo, comfort e prosperità senza precedenti, mentre una maggioranza di poveri sopporta privazioni e sofferenze quotidiane."

In cerca di un accordo

La cerimonia ha avuto luogo al termine di due giorni di discussioni preparatorie, in cui sono state cercate soluzioni di compromesso per permettere ai leader mondiali di giungere ad un accordo sulla lotta alla povertà e sulla salvaguardia delle risorse naturali mondiali.

Per Serge Chappatte, vice-direttore della Direzione dello sviluppo e della cooperazione e responsabile della delegazione svizzera, la strada è ancora lunga per arrivare ad un accordo multilaterale.

"Finora l'atmosfera al tavolo dei negoziati è stata complessivamente positiva", osserva Chappatte. "Ma c'è ancora molto lavoro da fare."

Mentre i negoziati preparatori si stavano avviando alla chiusura nel grande centro dei congressi Sandton - trasformato per l'occasione in una fortezza protetta da migliaia di poliziotti - centinaia di militanti anti-globalizzazione hanno dimostrato a Johannesburg contro la presenza alla conferenza delle aziende multinazionali.

In effetti, vari amministratori delegati- tra cui Jörgen Centermann, capo della svizzero-svedese ABB, e Heinz Imhof della Syngenta - sono attesi al summit.

I manifestanti accusano i rappresentanti delle multinazionali di voler dirottare l'agenda sullo sviluppo sostenibile e di voler approfittare della conferenza per incontrare i leader politici e per garantire che i negoziati non intralcino il libero commercio e a globalizzazione dei mercati.

Summit sostenibile?

Organizzazioni non governative che partecipano ad una conferenza parallela nei pressi della sede del summit, hanno detto lunedì di temere che il vertice internazionale non sia in grado di giungere a risultati concreti.

"Non c'è la sensazione che i delegati chiusi nel centro dei congressi siano in grado di trovare un vero accordo", afferma Wangpo Tethong, rappresentante di Greenpeace Svizzera a Johannesburg.

Ma l'ambasciatore svizzero in Sudafrica, Rudolf Schaller, osserva che se anche il summit non dovesse produrre un accordo, ciò non rappresenterebbe la fine del processo politico in direzione di uno sviluppo sostenibile.

"Anche se qui c'è l'opinione che gli sforzi non condurranno ai risultati richiesti, già questo sarebbe un segnale politico importante. Indicherebbe che in futuro bisognerà fare di più, e forse questa sarà la conclusione della conferenza", dice Schaller.

Gli organizzatori del summit sperano che lo sviluppo sostenibile non sia solo argomento di discussione fra leader mondiali riuniti a porte chiuse, ma che le migliaia di persone presenti a Johannesburg mettano in pratica quello che predicheranno durante i dieci giorni del vertice.

Per questo, le tessere di identificazione dei delegati sono prodotte con plastica riciclata, mentre un "barometro della sostenibilità" piazzato all'interno della sede della conferenza informa i partecipanti al summit sulla quantità di rifiuti da loro stessi prodotti ogni giorno.

Ramsey Zarifeh, Johannesburg

In breve

Il presidente sudafricano Thabo Mbeki ha detto che le priorità della conferenza dovrebbero essere la lotta alla povertà, alla disuguaglianza e al degrado ambientale.

Migliaia di poliziotti sono stati mobilitati per proteggere i delegati riuniti nel centro dei congressi Sandton a Johannesburg.

Serge Chappatte, vice-direttore della Direzione dello sviluppo e della cooperazione, è a capo del gruppo di negoziatori elvetici, in attesa dell'arrivo del monistro degli esteri Joseph Deiss.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×