Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Meno morti e feriti sulle strade svizzere

È fortemente diminuito, lo scorso anno, il numero delle vittime della strada: i morti sono stati 357, in calo del 7% rispetto al 2007, e i feriti gravi 4759, in flessione del 9%. Lo ha reso noto l'Upi, l'Ufficio per la prevenzione degli infortuni, sulla base di statistiche raccolte presso le polizie cantonali.

Secondo l'UPI, sono molteplici i fattori che hanno contribuito a questa nuova diminuzione: la migliorata infrastruttura stradale, i progressi tecnici dei veicoli, gli accresciuti controlli della velocità e l'abbassamento allo 0,5 per mille dell'alcolemia massima consentita.

L'Upi nota che per quanto riguarda i morti il trend al ribasso era in atto già da alcuni anni, mentre è nuova la tendenza riscontrata per i feriti gravi, che per la prima volta in assoluto scendono sotto la soglia dei 5 mila casi.

Le statistiche indicano che rispetto al 2007 i morti tra gli automobilisti sono scesi del 4% (a 156), tra i ciclisti del 10% (a 27) e tra i pedoni del 27% (a 58). In leggerissima controtendenza - da 82 a 83 - le cifre relative ai motociclisti, mentre le altre tipologie di incidenti evidenziano 33 decessi (+7%)

Per i feriti gravi risulta un calo del 4% tra gli automobilisti (a 1577), del 14% tra i motociclisti (a 1370), del 20% tra i pedoni (a 635) e dell'11% nella categoria "altro" (a 357). Salgono invece del 2% i dati dei ciclisti, per un totale di 820.


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×