Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier ungherese Viktor Orban.

KEYSTONE/EPA/STEPHANIE LECOCQ

(sda-ats)

"Un attacco contro la sovranità del nostro Paese". Così si è espresso il premier ungherese Viktor Orban dopo l'approvazione di un testo della riforma del regolamento di Dublino da parte della Commissione libertà civili dell'Europarlamento, giovedì scorso.

La proposta, che deve passare ancora all'esame del Consiglio, prevede l'abolizione del principio che il richiedente asilo debba restare nel Paese di primo ingresso.

Secondo Orban, questo primo passo "è la prima pallottola nella canna di un fucile diretta contro l'Ungheria per arrivare in Europa ad un meccanismo permanente ed illimitato di quote obbligatorie di ricollocamento".

Orban ha detto che l'Ungheria lotterà con tutta le forze contro un regolamento che "viola la sovranità, toglie ulteriori competenze agli stati membri, e non considera i pericoli provocati del connessione fra migrazione illegale e terrorismo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS