Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Mostra su Martin Kippenberger L'Istituto svizzero di Roma riflette sul ruolo dei musei

In occasione del suo 70° anniversario, l'Istituto svizzero di Roma propone una mostra dedicata a Martin Kippenberger (1953 – 1997) presso la Fondazione Sant’Elia a Palermo. L’esposizione, inserita nel programma della biennale Manifesta 12, illustra la difficile relazione tra l’artista e i musei, interrogandosi sul ruolo e la funzione di queste istituzioni culturali. 

Durante l'ultima mostra allestita dall’artista tedesco al MAMCO (Museo di Arte Moderna e Contemporanea) di Ginevra nel 1997, Kippenberger aveva presentato il suo lavoro sul MOMAS, un museo immaginario che si era creato in un edificio in rovina sull'isola di Syros, in Grecia. Per diverse estati, l'artista aveva invitato i suoi amici a esporre ma anche a riflettere sul significato dell'istituzione museale nell'arte contemporanea. Da queste riflessioni ha poi tratto una mostra, curata nel 1997 a Ginevra. 

Ma a poche settimane dalla sua apertura, la morte dell'artista ha interrotto il progetto, lasciando ai suoi organizzatori un gusto incompiuto. Su invito della Biennale d'arte contemporanea Manifesta, il curatore dell'Istituto svizzero Samuel Gross ha colto l'occasione per ricreare e completare questa mostra con altre opere del pittore tedesco. Parallelamente, l'Istituto svizzero di Roma ha organizzato un simposio di tre giorni per riflettere sul concetto di anti-museo e sulle sue conseguenze per il mondo dell'arte, ma anche per quello dell'architettura. A completamento del ciclo, l'intera mostra organizzata a Palermo e le registrazioni del simposio saranno presentate al MAMCO la primavera prossima.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.