Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Mostre a Londra e Venezia Giacometti e le sue "donne" al Tate Modern e alla Biennale



Il Tate Modern ha riunito per la prima volta dal 1956 le famose "Donne di Venezia" di Alberto Giacometti.

Il Tate Modern ha riunito per la prima volta dal 1956 le famose "Donne di Venezia" di Alberto Giacometti.

(Keystone)

Londra e Venezia rendono omaggio ad Alberto Giacometti: il geniale artista viene celebrato con una grande mostra al Tate Modern di Londra, mentre il padiglione svizzero ricorda il rapporto dello scultore grigionese con la Biennale di Venezia. 

Un filo rosso unisce la laguna veneziana e le sponde del Tamigi e il protagonista è uno dei più importanti maestri dell’arte del Novecento. Ad Alberto Giacometti il Tate Modern di Londra dedica la più grande mostra degli ultimi vent’anni nella capitale britannica, con oltre 250 opere esposte, tra sculture in bronzo e calchi in gesso, dipinti, disegni e materiale inedito proveniente dalla Fondation Alberto et Annette Giacometti. 

Il Tate Modern dallo scorso anno ha un direttore donna, Frances Morris, che è anche curatrice della mostra, la seconda allestita nel più visitato museo al mondo di arte moderna dedicata a Giacometti dopo quella del 1965. 

Un’esposizione ampia per il numero di lavori presenti, che attraversano un arco di tempo di quarant’anni, dalla Testa di donna del 1926 al ritratto Caroline del 1965, arrivando fino alla fine della sua intensa vita, con la morte nel 1966. 

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tra le opere esposte anche quelle dedicate al fratello Diego, più piccolo di un anno, come il busto in bronzo del 1955 e il dipinto a olio del 1956. E non mancano le sculture iconiche che hanno reso famoso in tutto il mondo lo stile dell’artista grigionese, come Uomo che indica del 1947 e Uomo che cammina del 1960. 

Le Donne di Venezia di nuovo riunite

L'omaggio a Giacometti, "nel rispetto dello spritito della sua opera", è "un successo diplomatico che fa onore al genio elvetico", ha dichiarato venerdì Alain Berset in occasione dell'inaugurazione del padiglione svizzero a Venezia. Perchè l'artista non ha mai voluto rappresentare la Svizzera a Venezia? I frammenti creati per l'esposizione permettono al pubblico di rispondere in parte a questo interrogativo, ha precisato ancora il ministro della cultura.

(KEYSTONE/Ennio Leanza)

La mostra al Tate Modern, aperta fino al 10 settembre, è un evento da non perdere perché sono esposte tutte insieme le sei sculture in gesso del gruppo chiamato “Femmes de Venise” (Donne di Venezia). A questa opera Giacometti era particolarmente legato, perché rappresentano i calchi per le sue celebri statue in bronzo. L’ultima volta che sono state presentate tutte insieme era il 1956, alla Biennale di Venezia. 

Per anni Berna chiese all’artista svizzero di rappresentare il proprio paese alla kermesse veneziana, ma neppure il fratello più giovane Bruno, che progettò il padiglione elvetico del 1952, riuscì a convincerlo. Giacometti accettò soltanto tempo dopo, decidendo però di consegnare i suoi lavori al padiglione della Francia e non a quello della Svizzera. 

La notizia della presenza delle Donne di Venezia è stata ripresa dai più importanti quotidiani britannici, compreso il Financial Times. Il più importante giornale economico della city sottolinea che “è stato un colpo formidabile del Tate” ottenere in prestito, dalla Fondation Alberto et Annette Giacometti, il gruppo delle sei sculture in gesso, da poco restaurate. 

L’omaggio veneziano 

L’importanza delle “Femmes de Venise” è tale che anche il padiglione Svizzera alla Biennale di Venezia, che si apre il 13 maggio, ricorda quest’opera con la mostra ‘Women of Venice’, in corso fino al 26 novembre. L’esposizione è un esplicito omaggio al gruppo scultoreo di Giacometti del 1956, così come voluto da Philipp Kaiser, originario di Berna, uno dei più importanti curatori d’arte del mondo. La sua nomina alla guida del padiglione Svizzera è stata fatta da Pro Helvetia, fondazione per la cultura e responsabile della partecipazione della Confederazione elvetica alla kermesse veneziana. 

Sono passati 61 anni, molte cose sono cambiate ma il titolo ci riporta indietro nel tempo. Per celebrare il maestro grigionese sono stati scelti Carol Bove, scultrice ginevrina, e il duo Teresa Hubbard/Alexander Birchler, alla loro seconda partecipazione dopo quella del 1999. Kaiser si interroga sul rapporto tra Giacometti e la Biennale di Venezia. L'artista grigionese aveva infatti sempre rifiutato gli inviti ad esporre al padiglione svizzero, malgrado questo fosse stato costruito dal fratello Bruno. 

Tra Edimburgo e Londra 

L’esposizione al Tate Modern è la più grande, per numero di opere e di materiale inedito, da vent’anni nel Regno Unito. L’ultima era stata nel 1996, con Giacometti protagonista di una mostra itinerante, in occasione dei trent’anni della sua morte, ospitata prima alla Scottish National Gallery of Modern Art di Edimburgo e poi alla Royal Academy of Arts di Londra. 

Nell’estate del 1965, tra il 17 luglio e il 30 agosto, la vecchia sede del Tate ospitò la retrospettiva ‘Alberto Giacometti: Sculture, Dipinti, Disegni 1913 – 1965’, al cui allestimento partecipò di persona lo stesso artista svizzero. Fu una delle ultime mostre a lui dedicate mentre era ancora in vita, poiché l’11 gennaio 1966 lo scultore grigionese morì. 

Il rapporto con Londra è sempre stato molto forte e la capitale britannica ha celebrato il grande maestro tra il 2015 e il 2016, in occasione del 50° anniversario della sua morte. La mostra ‘Giacometti: Pura Presenza’, organizzata alla National Portrait Gallery, ha visto riunite circa 60 sue opere, per la prima volta tutte dedicate al tema del ritratto, sia nella scultura sia nella pittura.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×