Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

#swisshistorypics La fotografia come lotta di classe

Emil Acklin è stato un fotografo svizzero che ha documentato la storia sociale e politica di Zurigo tra il 1930 e il 1950. La sua opera era incentrata sui lavoratori. L'archivio comunale di Zurigo la presenta ora al pubblico con una mostra.

Insegnante, comunista e fotografo, Emil Acklin (1889-1976) girava molto per le strade di Zurigo. Con la sua macchina fotografica Leica, ha immortalato in immagini la vita quotidiana degli abitanti del quartiere operaio di Aussersihl. Fotografava gli zurighesi non solo mentre lavoravano, ma anche durante il tempo libero o in occasione di eventi politici, come il corteo del 1° maggio. Acklin ha inteso la sua fotografia come parte della lotta di classe che prevaleva all'epoca.

Tempi di tempesta

L'industrializzazione, la formazione della classe operaia e le difficoltà economiche durante gli anni della guerra hanno avuto un forte influsso su Acklin. Di conseguenza, durante la gioventù, si è orientato sempre più verso l'estrema sinistra. Nel 1917 è diventato membro del gruppo rivoluzionario "Demand" e ha partecipato attivamente alle numerose proteste contro la guerra e il militarismo. Durante le rivolte del novembre 1917, Acklin è stato arrestato e condannato a sette mesi di carcere.

Una volta uscito di prigione, Acklin ha perso il lavoro di insegnante e ha dovuto ricostruire la sua vita. Ha allora deciso di lavorare come "fotografo operaio" e nel 1929 ha fondato l'alleanza "Arbeiterfotobund Zürich" con l'obiettivo di utilizzare efficacemente la fotografia come mezzo di propaganda nella lotta di classe. Nei dieci anni successivi ha realizzato la maggior parte delle immagini che costituiscono la sua opera.

L'Archivio comunale di Zurigo, nell'estate del 2017, ha rilevato il patrimonio fotografico di Emil Acklin. Nell'ottobre di quest'anno ha inaugurato la mostra "La fotografia come lotta di classeLink esterno", che offre una panoramica del suo lascito. L'esposizione è aperta fino al 18 gennaio 2019.

Nella nostra serie #swisshistorypics Link esternoviaggiamo nel passato, al tempo delle immagini in bianco e nero.

(Fotografie: Stadtarchiv Zürich)