Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Centrali idroelettriche non redditizie Il castello d’acqua svizzero è in vendita?

Il settore energetico svizzero è in subbuglio: Alpiq e Axpo, due pesi massimi del ramo, sono in grandi difficoltà finanziarie. Per riequilibrare i conti, Alpiq vuole vendere il 49% del suo portafoglio idroelettrico.

L’energia a buon mercato prodotta con le centrali a carbone e eoliche in Europa sta mettendo sotto pressione le aziende svizzere. La Alpiq e la Axpo non riescono a stare al passo della concorrenza. L’energia che producono con l’atomo e con le centrali idroelettriche è infatti più cara. Le dighe, assurte a simbolo del “castello d’acqua svizzero”, cominciano così a mostrare qualche crepa.

Molti politici, anche di destra, chiedono allo Stato di intervenire, creando ad esempio un fondo infrastrutturale o una società pubblica. Cosa succederebbe se, ad esempio, investitori cinesi volessero mettere le mani sulle dighe svizzere? “Non dobbiamo avere paura dei cinesi”, afferma Stefan Müller Altermatt, presidente della commissione dell’ambiente, della pianificazione del territorio e dell’energia del Consiglio Nazionale. Queste infrastrutture non si possono smontare e ricostruire nell’Impero di Mezzo.

(Immagini; Keystone/Aura/RDB)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.