Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Opera a Avenches Carmen a cielo aperto

Una tragica storia d’amore, in cui si scontrano passioni, gelosie e sete di libertà: Carmen ritorna a sedurre Don José e il pubblico nell’anfiteatro romano di Avenches. Uno sguardo ai preparativi dell’opera, messa in scena grazie anche al contributo di numerosi abitanti della regione.

 A inizio estate, durante il Festival d’Opera, Avenches viene invasa da decine di migliaia di persone, di cui oltre la metà provengono dalla Svizzera tedesca. Se l’arrivo degli Alemanni aveva segnato quasi duemila anni fa la fine dell’ex capitale dell’Elvezia romana, questa nuova invasione pacifica permette invece di ridare vita all’anfiteatro romano e al villaggio medievale, facendo fiorire ristoranti e commerci.

Ogni anno, a fianco di cantanti e musicisti professionisti, centinaia di abitanti della regione partecipano quindi volentieri alla realizzazione di questo evento culturale, come figuranti, maschere, controllori, addetti al servizio di sicurezza. Così anche per la 20esima edizione, in cui il festival di Avenches propone una nuova rappresentazione della Carmen di Georges Bizet.

 (foto: Christoph Balsiger, swissinfo.ch, testo: Armando Mombelli, swissinfo.ch)

Festival estivi Opera a Avenches: un piccolo miracolo che si ripete da 20 anni

Dare vita ad “una piccola Verona” a Nord delle Alpi, senza sostegni pubblici e in una regione con un clima non molto propizio. È la sfida vinta ...