Montreux Jazz Festival, la colonna sonora dell’estate

Ella Fitzgerald, tra le star della musica che si sono esibite al Montreux Jazz Festival, sarebbe stata felice di vedere che l’edizione di quest’anno si è aperta con i concerti di tre cantautrici. Sarebbe invece stata meno entusiasta dei prezzi elevati dei biglietti. (SRF, swissinfo.ch).

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2014 - 11:00

Amy Macdonald, Ayo e Agnes Obel hanno avuto l’onore di inaugurare la 48. edizione del festival. Tra i nomi più attesi sulle sponde del Lemano vi sono anche Outkast, Massive Attack e Jamie Cullum.

I biglietti più cari sono però quelli dei concerti di Pharrell “Happy” Williams e di Stevie Wonder, venduti a 450 franchi. Il direttore del festival Mathieu Jaton ritiene che Claude Nobs, il fondatore del Montreux Jazz Festival deceduto nel gennaio 2013, sarebbe stato entusiasta di accogliere, per la prima volta, la leggenda della musica pop e soul.

Il Montreux Jazz Festival «aggiunge glamour all’immagine altrimenti seria della Svizzera», afferma Nicolas Bideau, a capo di Presenza Svizzera, l’organo per la promozione della Confederazione all’estero. Alcuni si chiedono però se il termine “jazz” sia sempre appropriato.

A Montreux, la definizione di “jazz” è elastica, secondo Bertrand Piccard. L’avventuriero svizzero apprezza l’eclettico mix dei generi musicali in cartellone, come d’altronde le 230'000 persone attese fino al 19 luglio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo