Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Nicolas Hayek: non si può comprare il "mondo a credito"

Per Nicolas Hayek i manager di oggi sono come fumo negli occhi.....

(Keystone Archive)

Il patron della Swatch si schiera contro la nuova classe di manager e auspica un ritorno ad un sano imprenditorialismo.

Hayek critica anche il finanziere d'assalto Martin Ebner

"Non ho alcuna compassione per i piccoli azionisti che si sono fatti irretire da Martin Ebner e adesso si leccano le ferite", ha affermato in un'intervista al quotidiano Blick il re dell'industria elvetica degli orologi, Nicolas Hayek che non si è accontentato di bacchettare il finanziere svittese ma ha in generale condannato l'avidità di coloro che intendono diventare ricchi senza lavorare.

Più imprenditori, meno manager

Il calo della borsa - ha precisato il "patron" della Swatch - è salutare: obbligherà gli svizzeri a riflettere su quanto è successo al fine di ritrovare le virtù di un tempo, come la laboriosità. Abbiamo bisogno di più imprenditori nel vero senso della parola -ha dichiarato al giornale - che non di manager.

È da almeno quindici anni, ha affermato Hayek, "che metto in guardia dall'isteria che ha contagiato la borsa. Ho più volte avvertito i piccoli investitori di stare alla larga da questo sistema che assomiglia sempre più a un casinò".

Il fatto che i piccoli investitori non abbiano dato retta a Hayek ma abbiano preferito seguire ciecamente le sirene di Martin Ebner spiega la freddezza dell'imprenditore di fronte alle perdite in borsa da loro subite.

Ebner: "promotore e vittima"

"Ebner" - ha aggiunto Hayek - "è stato al contempo promotore e vittima di una società di avidi che pensa solo ad arricchirsi in fretta". A Martin Ebner, sostiene Hayek, "è mancata una visione a lungo termine per capire che le cose non potevano andargli bene in eterno".

Anche Hayek ha rischiato di finire nella rete del finanziere svittese. Negli anni '90, afferma Hayek, "Ebner è venuto da noi chidendoci di investire in borsa i soldi della nostra cassa pensione, affermando che solo così di potevano fare dei buoni guadagni".

Una proposta, "che ho rifiutato spiegandogli che in qualità di imprenditore si devono creare posti di lavoro e lanciare nuovi prodotti. Solo questo porta denaro, ricchezza e benessere alla società".

"Da allora Ebner ha ridotto le nostre azioni in suo possesso, ciò che è stato un bene. Oggi saremmo in una situazione difficile se Ebner avesse investito massicciamente nella nostra azienda", spiega al Blick Nicolas Hayek.

Ritrovare i valori di un tempo

A suo avviso, l'attuale evoluzione della borsa è pericolosa per la Svizzera. Come potremo sopravvivere, si chiede Hayek, se non avremo più imprenditori capaci di creare posti di lavoro? A suo parere, la Svizzera ce la farà solo se ritroverà i valori di un tempo.

"L'attuale depressione ha avuto inoltre il merito di smascherare quei fanfaroni che pensavano di poter comprare il mondo a credito. La crisi ha messo in risalto la loro pochezza. Ora" - ha concluso il padrone della Swatch - "queste persone devono farsi da parte per lasciar il posto ai veri imprenditori".

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.