Non prima del 2001 il rapporto sull’incidente Swissair a Halifax

Gli inquirenti sono riusciti finora a ricostruire il 98 percento della carlinga Keystone

Due anni dopo il crash del volo SR-111, precipitato la notte fre il 2 e il 3 settembre 1998 al largo di Halifax, la ricostruzione della fusoliera del MD-11 è quasi terminata. Accordi sono già stati trovati per oltre 70 procedure di risarcimento.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2000 - 17:24

L'identificazione dei due milioni di frammenti raccolti al largo delle coste della Nuova Scozia è a buon punto, ha indicato martedì un portavoce del BST, l'Ufficio per la sicurezza dei trasporti canadese. Le ricerche sono durate fino all'autunno del 1999 e hanno permesso di raccogliere 127 tonnellate di rottami, ossia il 98 percento del peso dell'intero aereo.

Gli inquirenti concentrano le loro ricerche sui primi nove metri della fusoliera, per cercare di stabilire da dove si siano sprigionate le fiamme che hanno provocato il crash. Attualmente è in corso un esame di 20 frammenti di cavi danneggiati da scariche elettriche. Si cerca inoltre di studiare i canali di sfogo dell'aria nel muso dell'MD-11.

L'inchiesta dovrà far luce su questioni operative e sui fattori umani, precisa un comunicato del BST che fa il punto sulla situazione in occasione del secondo anniversario del crash. In attesa del rapporto finale, il BST evita di trarre conclusioni.

L'unica certezza sinora acquisita è che a bordo dell'MD-11 scoppiò un'incendio. Fra le possibili cause vi è un difetto del sistema elettrico. Gli inquirenti hanno inoltre accertato che il Mylar, un isolate termico e acustico utilizzato a bordo di alcuni tipi di aerei, non è sufficientemente resistente al fuoco e ha alimentato l'incendio.

Il volo SR111 New York-Ginevra precipitò al largo di Halifax dopo un ora e un quarto di volo. Nella sciagura perirono tutti i 215 passeggeri e i 14 membri dell'equipaggio che si trovavano a bordo. Quindici minuti prima del crash, i piloti segnalarono ai controllori di volo la presenza di fumo in cabina.

Nel frattempo sono già state risolte con accordi extragiudiziali oltre 70 delle circa 180 procedure di risarcimento promosse dai familiari delle vittime. L'ultimo termine utile per intentare un'azione giudiziaria scade il 2 settembre. La Convenzione di Varsavia in materia di indennizzi prevede infatti la perdita di ogni diritto al risarcimento due anni dopo un incidente aereo.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo