Prospettive svizzere in 10 lingue

Papa: la Chiesa non è una dogana

(Keystone-ATS) Una Chiesa con le “porte aperte”, non una “dogana” dove chi cerca Gesù viene allontanato perchè ha commesso qualche errore. Lo ha detto stamane il Papa durante la messa a Santa Marta.

Tenere lontane le persone, non è “zelo”, e i “controllori della fede” non fanno piacere a Gesù, che vuole la sua Chiesa aperta a tutti coloro che cercano amore, ha detto ancora.

Partendo dal brano del Vangelo in cui Gesù chiede che non vengano allontanati i bambini che lo cercano, papa Francesco ha fatto alcuni esempi, tratti sia dalla Bibbia che dalla vita quotidiana.

“Siamo tante volte controllori della fede, – ha commentato papa Francesco – invece di diventare facilitatori della fede della gente”. È una tentazione che c’è da sempre, quella “di impadronirci, di appropriarci un po’ del Signore”.

“Pensate – ha detto a questo proposito – a una ragazza madre, che va in chiesa, in parrocchia e al segretario: ‘Voglio battezzare il bambinò. E poi questo cristiano, questa cristiana le dice: ‘No, tu non puoi perchè non sei sposata!’. Ma guardi, che questa ragazza che ha avuto il coraggio di portare avanti la sua gravidanza e non rinviare il suo figlio al mittente, cosa trova? Una porta chiusa! Questo non è zelo! Allontana dal Signore! Non apre le porte! E così quando noi siamo su questa strada, in questo atteggiamento, noi non facciamo bene alle persone, alla gente, al Popolo di Dio. Ma Gesù ha istituito sette Sacramenti e noi con questo atteggiamento istituiamo l’ottavo: il sacramento della dogana pastorale!”.

I bambini che vogliono andare da Gesù, ha commentato il Papa, esprimono la “fede del popolo di Dio, che è una fede semplice, è una fede forse senza tanta teologia, ma con una teologia dentro che non sbaglia, perchè c’è lo Spirito dietro”.

Papa Bergoglio ha quindi citato il Concilio Vaticano II, la cui costituzione Lumen Gentium afferma che “il popolo santo di Dio … non può sbagliarsi nel credere”, e per spiegare questa formulazione teologica ha aggiunto: “Se tu vuoi sapere chi è Maria vai dal teologo e ti spiegherà bene chi è Maria. Ma se tu vuoi sapere come si ama Maria vai dal Popolo di Dio che lo insegnerà meglio”. Il popolo di Dio – prosegue il Papa – “sempre si avvicina per chiedere qualcosa a Gesù: alcune volte è un pò insistente in questo. Ma è l’insistenza di chi che crede”.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR