Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Persiste il pericolo di bolla immobiliare

KEYSTONE/APA/HELMUT FOHRINGER

(sda-ats)

Il pericolo di una bolla immobiliare è tuttora presente in Svizzera: il relativo indice calcolato dagli esperti di UBS si è attestato nel primo trimestre 2016 a 1,39 punti, con un lieve aumento rispetto ai tre mesi precedenti.

L'UBS Swiss Real Estate Bubble Index - questo il nome dell'indice - è rimasto quindi nella zona di rischio, informa l'istituto in un comunicato odierno.

La stagnazione degli affitti ha comportato un peggioramento del rapporto prezzo d'acquisto/pigioni nel primo trimestre, per la decima volta consecutiva. Tuttavia la percentuale di richieste di credito pervenute a UBS per immobili non a uso proprio rivela una tendenza ancora in leggero aumento: attraverso un generoso impiego di capitale di credito è infatti possibile ottenere un'elevata redditività con investimenti nel settore.

Il numero ancora elevato di autorizzazioni edilizie suggerisce che nel corso dell'anno l'attività edilizia rimarrà vivace, secondo UBS eccessivamente. Gli affitti per nuove costruzioni dovrebbero quindi restare interessati da una spirale ribassista. Per i locatori si prospettano dunque periodi ancora più difficili.

L'andamento dell'indice della bolla immobiliare è stato invece parzialmente smorzato dall'incremento del tasso d'inflazione. L'aumento dei prezzi al consumo dello 0,6% rispetto al trimestre precedente è stato però solo un effetto estemporaneo: UBS stima infatti un rincaro dello 0,4% per l'intero anno.

Gli squilibri sul mercato delle abitazioni di proprietà dovrebbero diminuire leggermente entro la fine dell'anno. Attualmente gli indicatori anticipatori suggeriscono un'accelerazione della crescita economica, mentre si prevede una stagnazione dei prezzi delle abitazioni di proprietà.

A livello regionale va segnalato che il Ticino non presenta zone critiche. Nei Grigioni due aree - l'Alta Engadina e Davos - sono inserite fra le regioni con correzioni di prezzo.

L'indice UBS può presentare cinque livelli: ristagno (da -3 a -1), equilibrio (da -1 a 0), boom (0-1), rischio (1-2) e bolla (2-3).

SDA-ATS