Navigation

Piccole e medie imprese settore MEM, i segnali sono favorevoli

Il lavoro non manca. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2021 - 17:00
(Keystone-ATS)

La situazione finanziaria delle piccole e medie imprese (PMI) attive nell'industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica (MEM) è migliorata dall'inizio dell'anno: lo afferma l'associazione di categoria Swissmechanic.

"Le aziende stanno affrontando meno problemi di liquidità e sono confrontate con un rischio di fallimento minore", spiega l'organismo in un comunicato odierno. Anche la situazione degli ordinativi è migliorata e risulta più contenuto il ricorso al lavoro ridotto, stando a un sondaggio realizzato fra i membri.

Swissmechanic constata una tendenza positiva di tutti gli indicatori chiave, con un'eccezione: sono in brusco aumento le interruzioni della catena di approvvigionamento internazionale, in particolare per quanto riguarda materie prime e microchip. Il problema concerneva in aprile il 43% delle aziende, a fronte di un 23% in gennaio.

Le difficoltà sono quindi di entità analoga a quelle vissute nel corso del semi-confinamento della primavera 2020, ma le cause sono differenti. Un anno fa le aziende dovevano lottare contro le frontiere chiuse, oggi è l'evoluzione dei modelli di consumo, unitamente alla ripresa economica, ad aver creato strettoie nel commercio di merci e materie prime. Il problema è stato anche esacerbato dal temporaneo blocco del canale di Suez.

Nonostante le sfide sul fronte dell'approvvigionamento Swissmechanic guarda con fiducia al futuro. "Vediamo chiari segni di rilancio dell'attività economica e molte aziende hanno superato il punto più basso del ciclo economico", afferma il direttore dell'organizzazione Jürg Marti, citato nel comunicato.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.