Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Poca gloria per lo sci elvetico

A Crans-Montana Anja Pärson si è involata verso la sua 38esima vittoria

(Keystone)

Domenica a Crans-Montana, la campionessa svedese Anja Pärson ha vinto per la prima volta in carriera una super combinata di Coppa del mondo. Rabea Grand, undicesima, ottiene il miglior piazzamento per le svizzere.

Nello slalom di Kranjska Gora si è invece imposto l'italiano Manfred Mölgg. Per lui si tratta della prima vittoria della carriera in Coppa del mondo. Undicesimo l'elvetico Marc Berhod.

Aggiudicandosi la super combinata di Crans-Montana, in Vallese, la svedese Anja Pärson diventa la quarta atleta della storia a vincere in tutte e cinque le discipline dello sci alpino. Prima di lei, l'impresa era riuscita alla connazionale Pernilla Wiberg, all'austriaca Petra Kronenberg e alla croata Janica Kostelic.

Pärson (38esima vittoria per lei) ha concluso le due gare di discesa e di slalom con un tempo totale di 2'30"60, distaccando di 0"20 la tedesca Maria Riesch e di 0"26 la statunitense Lindsey Vonn, vincitrice della discesa di sabato.

«La vittoria in super combinata era uno dei miei obiettivi della stagione», ha detto Anja Pärson, sette volte campionessa mondiale.

«La Svizzera è un po' la mia seconda patria», ha aggiunto, ricordando che i suoi tre successi di questa stagione sono stati conquistati sulle nevi elvetiche (super gigante e discesa a St. Moritz).

Rabea Grand undicesima

La prima tra le svizzere è stata Rabea Grand, undicesima a 1"51. Per lei si tratta del secondo miglior risultato dopo il decimo posto della super combinata di St. Anton, il dicembre scorso.

Grazie alla seconda posizione, Maria Riesch si è aggiudicata la coppa di specialità, il suo primo trofeo nel circuito mondiale. Lindsey Vonn ha dal canto suo rafforzato la propria leadership nella classifica generale (157 punti di vantaggio sulla Riesch).

Primo successo per l'italiano Mölgg

Sulle nevi slovene, l'italiano Manfred Mölgg si è imposto nello slalom di Kranjska Gora, ottenendo il suo primo successo in Coppa del mondo.

L'azzurro ha concluso la gara in 1'42"29, precedendo il croato Ivica Kostelic (a 0"41) e l'austriaco Marcel Hirscher (0"49). Regolarmente abbonato ai posti d'onore, Mölgg è riuscito questa volta a controllare la pista e i propri nervi, nonostante un errore sul secondo tracciato.

«Finalmente è arrivata. Ho sciato bene e ci ho creduto fino in fondo», ha commentato a freddo lo sciatore italiano.

Seconda manche fatale

La squadra maschile svizzera non ha brillato tra gli stretti paletti di Kranjska Gora. Nel gigante di sabato era invece riuscita a piazzare cinque atleti tra i primi 15.

Gli sciatori elvetici hanno deluso soprattutto nella seconda manche. Marc Gini, miglior svizzero dopo la prima prova, è caduto. Poco ispirati pure Daniel Albrecht e Sandro Villetta, rispettivamente in 20. e 24. posizione.

Con il suo 11. rango, Marc Berthod è l'unico sciatore della squadra rossocrociata ad essere entrato nei primi 15.

Nella classifica di specialità, Mölgg sale in seconda posizione e può ora aspirare al globo di cristallo: solamente 21 punti lo distaccano dal francese Jean-Baptiste Grange, oggi quarto.

In generale non è al contrario cambiato nulla per ciò che concerne la testa della classifica. L'americano Bode Miller (1387 punti) e lo svizzero Didier Cuche (1218) non si sono infatti presentati alla partenza. L'austriaco Benjamin Raich (1123) è invece caduto sul primo tracciato.

swissinfo e agenzie

Classifiche di sci alpino

Super combinata di Crans-Montana

1. Anja Pärson (SVE): 2'30"60
2. Maria Riesch (GER): a 0"20
3. Lindsey Vonn (USA): a 0"26
11. Rabea Grand (SUI): a 1"51

Seguono le elvetiche Dominique Gisin (19.), Marianne Abderhalden (21.), Fränzi Aufdenblatten (22.), Jessica Pünchera (28.) e Denise Feierabend (32.).

Slalom di Kranjska Gora

1. Manfred Mölgg (ITA): 1'42"29
2. Ivica Kostelic (CRO): a 0"41
3. Marcel Hirscherer (AUT): a 0"49
11. Marc Berthod (SVI): a 1"59

Seguono gli svizzeri Daniel Albrecht (20.) e Sandro Viletta (24.).

Fine della finestrella

In Engadina brilla un norvegese

Il vincitore dell'edizione 2007 della maratona engadinese, lo svizzero Dario Cologna, è stato privato della doppietta per una ventina di centesimi.

Nonostante uno sprint incredibile, il 22enne grigionese ha terminato la 40esima edizione della nota gara di sci di fondo alle spalle di Tor Arne Hetland.

Il norvegese, 33 anni, festeggia il suo secondo successo sulle nevi grigionesi (vittoria nel 1999) imponendosi con il tempo record di 1:24'30"5.

In campo femminile la gara è stata dominata dalla tedesca Katrin Zeller, la quale ha pure segnato un nuovo record della pista (1:33'27"3). Migliori tra le svizzere: Laurence Rochat (5.) e Jasmin Nunige (8.).

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×