Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Assicurazione disoccupazione: si voterà

È ormai certo che la parola finale sulla revisione della legge sull'assicurazione contro la disoccupazione spetterà al popolo (LADI). Il referendum contro il piano adottato dal parlamento per riassorbire il debito dell'assicurazione è infatti stato firmato da oltre 140mila cittadini.

Benché occorra ancora la validazione ufficiale delle firme, la riuscita del referendum appare ormai scontata visto che occorrevano 50mila sottoscrizioni e martedì ne sono state consegnate più di 140mila alla Cancelleria federale a Berna. La votazione federale è in calendario il 26 settembre.

Il comitato referendario, denominato "No allo smantellamento dell'assicurazione contro la disoccupazione", riunisce i partiti socialista, ecologista, del lavoro, evangelico e cristiano sociale, i sindacati e associazioni di disoccupati. Gli oppositori della quarta revisione della LADI sostengono che essa è "ingiusta, anti-sociale, inaccettabile e assurda".

Approvata in marzo dal parlamento, la revisione mira ad ottenere 646 milioni di introiti supplementari e 622 milioni di uscite in meno. Attualmente l'assicurazione disoccupazione (AD) ha un debito di 6,7 miliardi di franchi.

Fra le misure principali, contempla in particolare il prolungamento a 120 giorni del tempo d'attesa per avere diritto alle indennità di disoccupazioni per i giovani che terminano gli studi o il tirocinio, la riduzione delle indennità al 70% del salario assicurato per i giovani che non hanno figli a carico e l'obbligo di accettare anche un lavoro inferiore alle qualifiche.

Sul fronte dei contributi, prevede un aumento del tasso dei prelievi salariali a favore dell'AD di 0,2 punti percentuali (metà a carico dei dipendenti, metà a carico dei datori di lavoro).

In parlamento la revisione è stata sostenuta dai partiti di destra e centro destra, mentre è stata bocciata dalla sinistra rosso-verde e dai cristiano sociali.

Secondo il co-presidente del sindacato Unia, Renzo Ambrosetti, l'elevato numero di firme raccolte dimostra "che il tema è molto sentito dalla popolazione di tutte le regioni del paese". Martedì alla consegna delle sottoscrizioni, il ticinese si è detto convinto che il popolo respingerà chiaramente la quarta revisione della LADI.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×