Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Assistenza al suicidio, serve un quadro giuridico

Secondo il governo, l'assistenza al suicidio non va vietata ma occorre una norma penale che regoli la materia: saranno quindi emanati specifici obblighi di diligenza validi a livello nazionale.

Dopo aver esaminato i risultati della consultazione in materia, l'esecutivo ha incaricato venerdì il Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare entro l'anno il messaggio alle Camere con i dovuti distinguo. Nel frattempo il Dipartimento dell'interno formulerà proposte per incentivare la prevenzione del suicidio e la medicina palliativa.

I meccanismi di controllo statali e professionali esistenti non sono abbastanza efficaci, afferma il governo, il quale ritiene necessario imporre nuove linee guida e nuovi limiti. Una netta maggioranza di Cantoni, partiti e organizzazioni si è espressa a favore di un disciplinamento esplicito.

Due le varianti di modifica del diritto penale che erano state poste in consultazione: esse prevedevano da un lato rigidi obblighi di diligenza per i collaboratori delle organizzazioni di aiuto al suicidio e, dall'altro, il divieto dell'assistenza al suicidio.

22 Cantoni, 8 partiti e 54 organizzazioni hanno confermato la necessità di agire sul piano legislativo. Soltanto 4 Cantoni, 5 partiti e 16 organizzazioni ritengono che il diritto in vigore sia sufficiente per impedire possibili abusi.

La maggioranza degli enti consultati si è detta favorevole a norme severe e costringenti, ma c'è chi ha rilevato la complessità e la poca chiarezza delle proposte. La restrizione dell'assistenza al suicidio a chi soffre di una malattia mortale è stata percepita come inammissibile e discriminatoria.

Diversi partecipanti alla consultazione preferirebbero una legge speciale per disciplinare l'attività delle organizzazioni e hanno quindi proposto di assoggettarle a un obbligo di autorizzazione, di istituire un meccanismo di vigilanza medica, oppure un controllo da parte delle autorità.

Ma anche il ricorso al parere di tre medici – per attestare la capacità di discernimento, confermare la diagnosi maligna e prescrivere il prodotto letale – ha suscitato molte riserve. L'opzione di vietare in maniera pura e semplice l'assistenza al suicidio è stata a sua volta scartata in quanto limiterebbe in modo intollerabile il diritto di ciascuno all'autodeterminazione.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×