Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Emergenza asilo in Europa Profughi, accordo dimezzato a Bruxelles

Bilancio in chiaroscuro quello scaturito dalla riunione di lunedì dei ministri degli Interni dell'UE sullo spinoso problema delle quote di migranti da redistribuire tra i Ventotto: ricollocamento degli immigrati tra i vari paesi Ue solo su base volontaria e ancora incertezza sul numero reale dei rispettivi contingenti

A inizio giugno i capi di governo e i capi di Stato dei paesi dell’Unione avevano accettato il principio di sgravare Italia e Grecia, le nazioni più esposte al fenomeno dell’immigrazione dal Nord Africa, di 40'000 profughi.

Nel vertice non è stato fissato un obiettivo quantitativo ma è stato accettato il principio di solidarietà secondo cui ciascuno stato si farà carico di un certo numero di immigrati su base volontaria. Restano irrisolte diverse questioni, a partire dall’obbligo di registrazione dei profughi nei paesi in cui arrivano.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera