Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Minaccia terroristica Più poteri agli 007: il referendum non verrà ritirato

La nuova legge sui servizi d’informazione della Confederazione varata dal parlamento dovrà verosimilmente essere approvata dal popolo svizzero. Gli oppositori non intendono infatti ritirare il loro referendum.

I fatti di Parigi si inseriscono prepotentemente anche nel dibattito sulla nuova legge sui servizi di informazione della Confederazione che amplia i poteri degli 007 rossocrociati, contro cui è stato lanciato un referendum (la raccolta di firme per chiamare alle urne gli svizzeri scade il prossimo 14 gennaio).

C’è infatti chi ritiene che le norme approvate il 25 settembre dal parlamento rappresentino un’indebita intromissione nella sfera privata dei cittadini, senza peraltro evidenti benefici a livello istruttorio per gli inquirenti. E per questo i promotori del referendum non intendono ritirare la loro proposta. Sul fronte opposto si rileva che l’incremento della sorveglianza si concentrerà solo sui soggetti che potenzialmente sono in grado di mettere a repentaglio la sicurezza dello Stato. 

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 16.11.2015)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×