Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Politica dei trasporti Treni e strade più cari nelle ore di punta

Pagare di più se si prende il treno o l'automobile negli orari di punta. È questo il principio del “Mobility pricing” che il governo svizzero intende introdurre dal 2019 attraverso una serie di progetti pilota. Obiettivo: sfruttare in modo più equilibrato le infrastrutture e decongestionare il traffico.

Per spingere la popolazione a cambiare le proprie abitudini, il progetto punta sul portamonete. “È un principio economico. Un posto nelle ore di punta è un bene raro. È dunque normale pagarlo più caro”, ha spiegato Jürg Röthlisberger, direttore dell’ufficio federale dei trasporti.

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il progetto prevede diverse varianti per la strada e la ferrovia. Tra queste figura, ad esempio, la possibilità di abolire la ‘vignetta’ autostradale e di introdurre una tassa per l’uso delle strade nazionali, in funzione dei chilometri percorsi. Per quanto riguarda treni e bus, invece, le tariffe differenziate potrebbero essere stabilite in funzione della linea o della regione.

Gran parte dei cantoni ha già espresso parere positivo sul “mobility pricing” anche se non tutti sono convinti che possa davvero portare a uno snellimento del traffico. Ginevra, Ticino e Zugo hanno dal canto loro manifestato interesse per lanciare progetti pilota, così come l'agglomerato di Berna e la città di Rapperswil-Jona (SG).

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG 30.06.2016)

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×