Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sessione del Parlamento Amianto: nessun accordo sui termini di prescrizione

La revisione del diritto in materia di prescrizione sta suscitando grandi divergenze tra il governo e le due Camere del parlamento. Il Consiglio federale proponeva un termine di 30 anni per permettere alle persone che hanno subito un danno, quali ad esempio i lavoratori esposti all'amianto, di rivendicare un risarcimento dinnanzi alla giustizia. La Camera del popolo si è già espressa per 20 anni ed ora la Camera dei Cantoni vuole ridurre questo termine a 10 anni. 

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Con 23 voti contro 21, la maggioranza di centro-destra della Camera dei Cantoni ha tuttavia preferito seguire la proposta di minoranza della commissione preparatoria. "Il limite attuale è sufficiente, andare oltre significa dare false speranze alle vittime", ha sottolineato con successo Thomas Hefti, rappresentante del Partito liberale radicale. I senatori hanno invece voluto introdurre una norma transitoria - destinata alla sole vittime dell'amianto - secondo cui chi ha subito danni alla salute provocati da questa sostanza disporrà di un termine supplementare di un anno a contare dall'entrata in vigore della modifica di legge per chiedere un risarcimento o una riparazione del torto morale. Si tratta insomma di una deroga al principio "ciò che è prescritto è prescritto". Il dossier ritorna ora alla Camera del popolo.

swissinfo.ch e RSI (TG del 15.12.15)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×