Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Tasse e lavoro Verso parità di trattamento fiscale dei frontalieri

In un prossimo futuro, anche i frontalieri potranno chiedere di essere tassati in via ordinaria come i lavoratori residenti, invece che alla fonte, godendo delle deduzioni del caso. È quanto prevede la revisione dell'imposizione alla fonte del reddito da attività lucrativa approvata ieri dalla Camera dei Cantoni. Rispetto alla Camera del popolo, i "senatori" hanno voluto tuttavia fare alcuni gesti in favore dell'autonomia dei cantoni.

Scopo della revisione è l'eliminazione delle disparità di trattamento tra le persone assoggettate all'imposta alla fonte e quelle che sottostanno alla procedura d'imposizione ordinaria. La necessità di una modifica legislativa è data da una sentenza del Tribunale federale del 26 gennaio 2010, secondo cui in determinati casi l'imposizione alla fonte viola l'Accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Confederazione elvetica e l'Unione europea.

Stando alla revisione legislativa, gli stranieri senza permesso di domicilio potrebbero essere tassati in via ordinaria se conseguono in Svizzera oltre il 90% dei loro redditi (i cosiddetti "quasi residenti", frontalieri compresi). I frontalieri potrebbero così farsi tassare in via ordinaria, facendo valere anche le deduzioni del caso, come gli interessi ipotecari o le spese di trasporto.

Prima dell'approvazione finale della riforma dovranno tuttavia ancora essere eliminate delle divergenze tra le due Camere del parlamento federale su alcuni punti.

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

swissinfo.ch con tvsvizzera.it e Ats (TG RSI delle ore 20:00 del 20.09.16)

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×